Calcio internazionale

Per i Mondiali del 2030 candidatura quadrupla dal Sudamerica. Il Cile si unisce a Uruguay, Argentina e Paraguay

di Marco Bellinazzo


default onloading pic

1' di lettura

Il Presidente del Cile Sebastiàn Pinera ha annunciato ch il suo paese si unisce ad Argentina, Uruguay e Paraguay per la candidatura comune all'organizzazione dei Mondiali di calcio del 2030. Si tratta di un evento a cui il Sudamerica tiene molto perché celebra la ricorrenza del centenario del torneo che assegna il titolo di nazione campione del mondo dello sport più amato del pianeta. La prima edizione, nel 1930, si svolse in Uruguay, e la squadra di casa batté in finale l'Argentina: non è quindi un caso che questo due paesi si siano da tempo fatti avanti, e a loro si sono uniti, visto cheil Mondiale del 2030 sarà a 48 squadre, anche Paraguay e adesso il Cile, paese che ha già ospitato i Mondiali nel 1962 e ora si propone, secondo il Presidente Pinera, «per ospitare 3 o 4 gironi, un quarto di finale e una semifinale. I miei colleghi dell’Argentina, Mauricio Macri, del Paraguay, Mario Abdo, e dell'Uruguay, Tabaré Vázquez, sono d’accordo e per questo abbiamo sottoscritto la proposta comune per il 2030».

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...