AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùLe tensioni sul greggio

Per il petrolio Suez non è al centro dei timori del mercato

Quotazioni volatili, in vista del vertice Opec Plus e con gli attacchi sempre più frequenti in Arabia Saudita. C’è nervosismo anche per il blocco del canale egiziano, che però oggi è meno importante di un tempo per l’export di greggio

di Sissi Bellomo

(Reuters)

2' di lettura

Non è solo Suez la fonte del nervosismo sul mercato del petrolio. Le quotazioni del barile sono tornate in tensione, registrando un rialzo del 4% nella seduta di venerdì 26. Ma a rilanciare gli acquisti – che hanno riportato il Brent vicino a 65 dollari – ha contribuito anche l’ennesimo attacco degli Houthi in Arabia Saudita, che scatenato le fiamme in un deposito petrolifero a Jizan. Inoltre c’è stato il traino delle borse, in forte rialzo, mentre il dollaro nello stesso tempo si indeboliva.

Chiusura negativa per la terza settimana

L’estrema...

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti