La società guidata da un italiano

Per Renzi un posto nel Cda di Delimobil, colosso russo del car sharing

L’ex premier: rispettate tutte le regole della vigente legislazione italiana

(ANSA)

2' di lettura

Dallo scorso agosto il leader e senatore di Italia Viva Matteo Renzi siede nel Cda di Delimobil, colosso russo del car sharing. Dopo le consulenze (e annesse polemiche) in Arabia Saudita, spunta dunque un nuovo incarico per l’ex premier in una società estera.

La società

La società in questione, con sede in Lussemburg oma presente in molte città russe tra cui Mosca, è stata fondata ed è guidata da un italiano, Vincenzo Trani, che oltre a Delimobil guida anche il fondo Mikro Kapital e la Camera di commercio italo-russa. Nei mesi scorsi Trani aveva lanciato in Italia un’iniziativa per produrre il vaccino Sputnik. Sempre Trani è stato il primo italiano vaccinato con il siero russo.

Loading...

La documentazione alla Sec

La notizia dell’incarico a Renzi è venuta alla luce dopo che la Delimobil, che sta per quotarsi a Wall Street, ha presentato alla Sec la documentazione dovuta nel rispetto della trasparenza. Nel prospetto Delimobil scrive in via cautelativa che, nel caso in cui Renzi venisse condannato in una delle inchieste in cui è coivolto, dovrebbe dimettersi dal Cda. Nessuna menzione riguardo al compenso. Ma per retribuire l’intero consiglio di amministrazione la Delimobil spende un milione di dollari all’anno.

Renzi: partecipare a questa sfida è molto avvincente

«Il senatore Matteo Renzi è molto felice di collaborare all’attività della società Delimobil il cui socio di riferimento, Vincenzo Trani, è un imprenditore napoletano che Renzi stima» fa sapere l’ex premier attraverso una nota dell’ufficio stampa di Italia Viva. «Il senatore Renzi, da sempre convinto dell’importanza di valorizzare le competenze degli imprenditori italiani in tutto il mondo - continua la nota - sarà al fianco del dottor Trani in questa sfida. Il settore della sharing economy, delle Smart cities e della mobilità sostenibile è uno dei più affascinanti per il futuro del pianeta: partecipare a questa sfida è molto avvincente. Ovviamente la presenza di Renzi nel board Delimobil rispetta tutte le regole della vigente legislazione italiana”.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti