ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPnrr

Per settembre in arrivo isole verdi e riforma idrica

Nove obiettivi da centrare, tra cui la conversione green dei porti

di Celestina Dominelli

Draghi chiede lo sprint sul Pnrr, 20 obiettivi in 2 mesi

2' di lettura

Nove obiettivi da centrare entro fine anno, di cui uno (l’adozione del piano per riqualificare i siti orfani, vale a dire le aree industriali abbandonate per cui non è individuabile il responsabile dell’inquinamento) già messo in cascina e due calendarizzati per settembre (il cambio di passo per rendere verdi 19 piccole isole e l’entrata in vigore della riforma per garantire la piena capacità gestionale per i servizi idrici integrati) su cui la linea dettata ai suoi dal ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, è quella di accelerare ulteriormente per tagliare rapidamente il traguardo, come per i “cam”, i criteri sociali e ambientali negli appalti pubblici per eventi culturali finanziati con fondi pubblici. Per i quali il dicastero dovrà predisporre un decreto anticipando a ottobre questo target sulla scia del cambio di passo chiesto dal premier Mario Draghi per mettere sicurezza in poco meno di due mesi oltre il 50% del cronoprogramma concordato con l’Europa per il secondo semestre del 2022.

Una mossa che, in verità, al Mite avevano già messo in pista. Mandando avanti soprattutto quelle partite, a cominciare dall’aggiudicazione dei progetti per migliorare la resilienza della rete elettrica e dall’assegnazione degli appalti pubblici per aumentare la capacità della stessa per la distribuzione di energia rinnovabile e l’elettrificazione dei consumi energetici (smart grid), che non richiedono la condivisione del percorso con altri ministeri. Dove, invece, il rischio di qualche intoppo è decisamente più elevato sebbene il diktat partito dalla presidenza del Consiglio sia stato molto chiaro e abbia spinto tutti a serrare i ranghi. Non solo per blindare la strada ancora da fare, ma anche per stringere un cordone di sicurezza attorno alle riforme già attuate.

Loading...

A buon punto isole verdi e riforma idrica

Riforme su cui il Mite è stato particolarmente impegnato nella prima parte dell’anno (dalla strategia nazionale per l’economia circolare al programma nazionale di gestione dei rifiuti) e che ora, sotto l’occhio vigile della Commissione europea, dovranno essere messe a terra dopo la loro approvazione. Cercando di portare a dama ovviamente anche i nuovi obiettivi.

Due di questi, isole verdi e riforma idrica, sono a buon punto. Sul primo fronte, si è registrato un grande riscontro nella partecipazione alla misura con il 100% del contingente richiesto (200 milioni stanziati) e Bruxelles sta valutando il percorso per accordare il proprio disco verde. Quanto all’idrico, sono necessari due decreti interministeriali in tandem con il Mef e con l’Agricoltura . A ottobre, invece, dovranno essere chiusi i cam: il decreto che stabilisce i criteri è stato quasi ultimato, come i documenti di accompagnamento, e la pubblicazione dovrebbe avvenire già entro fine mese.

I cinque obiettivi da centrare

Restano, poi, da centrare altri cinque obiettivi. Tra cui figurano, oltre agli investimenti sulle reti (resilienza e smart grid), l’aggiudicazione delle opere alle autorità di sistema portuale nell’ambito dell’investimento per la conversione “green” dei porti, la piantumazione di almeno 1,6 milioni di alberi per la tutela e la valorizzazione delle aree verdi urbane ed extraurbane, nonché l’assegnazione di tutti gli appalti pubblici per la costruzione di nuove reti di teleriscaldamento o l’ampliamento di quelle esistenti.

Osservatorio PNRR

Notizie e analisi

Il monitoraggio del Sole 24 Ore sullo stato di avanzamento del Piano nazionale di ripresa e resilienza attraverso notizie, analisi, documenti e video, un puntuale lavoro di monitoraggio dello stato di avanzamento. Vai all'Osservatorio

Numeri e infografiche

Una serie di infografiche navigabili per conoscere nel dettaglio tutte le facce del PNRR: le missioni, i costi, gli obbiettivi da centrare semestre per semestre. Vai alla sezione numeri e infografiche

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti