Progetti

Per Tag Heuer l’online peserà fino al 20-30%

Il ceo Frédéric Arnault punta a questo obiettivo raggiungibile anche grazie al Connected Watch. Strategica l'alleanza con Porsche

di Paco Guarnaccia

Uno dei nuovi Aquaracer Professional 300. Cassa impermeabile fino a 300 metri e bracciale in acciaio. Sul fondello c'è l'immagine dello scafandro di un palombaro. Prezzo: 2.850 euro.

2' di lettura

«La domanda è andata oltre le aspettative: oggi per comprarlo c’è la lista d’attesa. Quello con Porsche sarà uno dei nostri asset per il futuro». Così il ceo Frédéric Arnault commenta l’accoglienza del primo lancio del 2021 di Tag Heuer, il Carrera Porsche Chronograph, orologio collegato alla partnership di lunga durata con il marchio Porsche. Il progetto è in linea con le strategie del brand: «Investire in storie molto forti, alzare ulteriormente la qualità delle collezioni e rinforzare il link che i nostri cronografi storicamente hanno con i motorsport e quello che gli Aquaracer hanno con il mondo della subacquea».

La novità più recente ha riguardato proprio i diver con i rinnovati Aquaracer Professional 300 disponibili in otto modelli, in acciaio o titanio, cinque maschili con cassa di 43 mm di diametro (uno dei quali, il solo non braccialato, omaggia il modello subacqueo Ref. 844 del 1978) e tre femminili con un diametro di 36 mm. «Abbiamo ridisegnato questa collezione per renderla più moderna e facile da indossare sempre e non solo sott’acqua» spiega Arnault.

Loading...

Per il 2021 Tag Heuer prevede «una crescita molto alta sul 2020 e di ritornare al livello del 2019», puntualizza il ceo che aggiunge, tra gli obiettivi, il riposizionamento del marchio verso l’alto: «abbiamo un prezzo molto attrattivo e vogliamo consolidare questo punto senza trascurare la qualità dei movimenti». Aspetto cui è sempre stato molto sensibile il mercato italiano dove sono previste novità: «Nei prossimi due anni dovremmo aprire una boutique a Milano. L’Italia è un mercato importante e di alto profilo, in cui i modelli meccanici tradizionalmente registrano ottime performance. Qui punteremo sulla linea Monaco, un’icona dell’orologeria amatissima in Italia». Investimenti in arrivo anche nell’online che, come dice il ceo: «ha performance in triple digit. Sono in crescita e cresceranno ancora. L’e-commerce in particolare ha una penetrazione sul mercato importante, in Italia un po’ meno che negli altri paesi, ed è un segnale di svolta anche se nell’orologeria è sempre un po’ più basso rispetto agli altri prodotti. Puntiamo ad aumentarne lo share e crediamo che nei prossimi anni arriverà a pesare tra il 20 e il 30%». Al raggiungimento di questo target aiuterà l’avere in bouquet uno smartwatch come il Connected Watch. «Vogliamo che diventi un pilastro. Nel 2020 è cresciuto mentre il resto del settore arretrava. È un prodotto che, per materiali e finiture, ha i codici dell’industria orologiera di lusso tradizionale. Al tempo stesso presenta software di cui siamo proprietari, dedicati al lavoro, al fitness e a sport come golf, ciclismo e running. Quest’anno avremo degli update che renderanno il Connected Watch ancora più esclusivo».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti