Il progetto

Per i tre marchi Landi sostenibilità a km zero

L’azienda è a Pitti con il Remo Key che certifica i tessuti riciclati

di Silvia Pieraccini

Uno dei capi della collezione Zerosettanta Studio con il 95% di materiale riciclato

2' di lettura

È specializzata nel capospalla, che produce dal 1948. Ma ora Landi - azienda familiare di abbigliamento di Empoli (Firenze) che vanta tre marchi da uomo (L’Impermeabile, Zerosettanta studio e il più sportivo Giancarlo Rossi) e uno da donna (Landi Fancy) - punta a specializzarsi anche sulla sostenibilità a “chilometro zero”, realizzata utilizzando tessuti rigenerati prodotti a poca distanza, nel distretto tessile di Prato che è lo storico inventore della lana riciclata dagli indumenti, e cuciti in laboratori dell’area empolese.

Il progetto che sbarca al Pitti Uomo, dopo anni di sperimentazione e affinamento, nasce dalla collaborazione con “Remo Key” (Recycle movement), il marchio di qualità per i tessuti riciclati garantito da un protocollo che traccia l’intera catena di produzione, dalla materia prima al capo finito (grazie al sistema di monitoraggio “track&trace” che fornisce il calcolo del risparmio energetico, di Co2 e dell’acqua conseguiti).

Loading...

«In questo modo riusciamo a fare una sostenibilità vera e a presentare un cappotto interamente prodotto nel raggio di 40 km - spiega Marco Landi, consigliere delegato e responsabile export dell’azienda di famiglia - grazie al cardato rigenerato della pratese Comistra e alla lavorazione empolese. Il nostro lavoro è cominciato nel 2013, ma ora ci presentiamo in modo ufficiale con un’etichetta certificata e un calcolo serio di tutto il percorso». Anche perché la prospettiva di mercato è cambiata: se qualche anno fa un capo di fascia alta fatto con tessuto rigenerato non veniva “capito” dai consumatori, oggi concetti come riutilizzo e rispetto dell’ambiente sono ambiti e apprezzati.

I capi RemoKey arricchiscono la collezione Zerosettanta, ma i tessuti rigenerati contaminano anche le altre linee dell’azienda empolese che utilizza pure nylon fatto con materiali riciclati, impermeabilizzazioni senza enzimi inquinanti, trattamenti eco-friendly. «La direzione green è il futuro - dice Landi - e noi che da sempre seguiamo percorsi di sostenibilità ora vogliamo accelerare».

Il 2019 è stato un anno positivo, con il fatturato che ha toccato i 5,2 milioni, in crescita del 10% sull’anno precedente, trainato dall’export (Usa, Europa e Asia) che pesa il 70%. Ora Landi sta espandendo i corner e gli shop-in-shop nei grandi magazzini all’estero, come ha fatto in Italia con la Rinascente, per consolidare presenza e immagine. «Vogliamo creare presidi stabili nella distribuzione - aggiunge l’imprenditore - il mercato a livello internazionale è confuso e sul fronte interno è stagnante: per questo puntiamo a fare collezioni dirette a target ben precisi, che ci permettono di aggirare la crisi». Il 2020 sarà un altro anno di crescita: «Siamo una sorta di laboratorio artigianale evoluto che ha le collezioni sul trampolino - conclude Marco Landi - se riusciremo a comunicare il prodotto, potremo spiccare il salto».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti