trasporti

Per Uber ancora un trimestre in rosso, ma il pareggio si avvicina

Perdita da 1,1 milioni di dollari nel 4° trimestre 2019. L’obiettivo del ritorno all’utile viene anticipato di un anno a fine 2020 e i titolo vola nell’afterhours

di Maximilian Cellino

(REUTERS)

1' di lettura

Uber continua la rincorsa al pareggio di bilancio, che potrebbe arrivare entro fine anno. L’azienda di servizi di trasporto auto privato ha accusato nel quarto trimestre del 2019 una perdita pari a 1,1 miliardi di dollari, superiore agli 887 milioni registrati nello stesso periodo dell’anno precedente, ma ha anticipato di un anno il target legato alla creazione di un utile, che potrebbe a questo punto coincidere con la fine del 2020, anziché del 2021 come originariamente previsto. A New York intanto nelle contrattazioni afterhours il titolo guadagnava il 5 per cento.

Londra dichiara guerra a Uber, licenza ritirata

Crescono i ricavi
Se si escludono le voci straordinarie le perdite per azione di Uber sono state pari a 0,64 dollari contro attese per 0,68 dollari, ma l'elemento più importante è che il fatturato è cresciuto a 4,07 miliardi di dollari dai 2,97 miliardi di dollari nel quarto trimestre del 2018 mentre le prenotazioni lorde - parametro che comprende sia le corse che le consegne effettuate - sono aumentate del 28% a 18,13 miliardi di dollari e gli utenti unici mensili sono cresciuti del 22% a 111 milioni.

Loading...

Pareggio operativo previsto per l’ultimo trimestre dell’anno
Questi ultimi dati, uniti alla promessa dell'amministratore delegato, Dara Khosrowshahi, di ulteriori tagli sui costi, permette alla compagnia di anticipare di un anno a fine 2020 il momento in cui si possa riuscire a chiudere un trimestre realizzando profitti dal punto di vista operativo (Ebitda adjusted).

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti