economia circolare

Per Ulysse Nardin focus sostenibilità

Implementato lo studio dei materiali di origine marina

di Anna Rita Romani

default onloading pic

2' di lettura

Cronometrista ufficiale della nona edizione della Vendée Globe, la regata intorno al mondo senza soste e senza assistenza partita l’8 novembre da Les Sables d’Olonne, Ulysse Nardin porta di nuovo all’attenzione uno dei suoi temi ricorrenti, ovvero il mare, con particolare riguardo per i problemi legati all’inquinamento.

Segno tangibile di questo impegno l’introduzione di Diver Net, un concept watch realizzato con materiali riciclati provenienti da reti da pesca e altri rifiuti plastici recuperati negli oceani. A monte di questa iniziativa l’implementazione di un’unità di ricerca interna alla manifattura dedicata allo studio di materiali di origine marina (gusci di ostriche, alghe, Pet marino e reti da pesca in poliammide) e, nell’ottica di una produzione fondata sulla sostenibilità e sull’economia circolare, la collaborazione con partner già affermati nel settore del riciclaggio: tra questi Fil&Fab, azienda francese specializzata nella lavorazione delle reti da pesca non più in uso, che ha contribuito alla realizzazione di alcune componenti esterne del Diver Net.

Loading...

Una soluzione a basso impatto ambientale è stata trovata anche per il tradizionale vetro zaffiro, sostituito con un vetro ceramico trasparente che richiede una minore quantità di energia al momento della sua produzione. Tecnicamente espressione della tradizione orologiera di Ulysse Nardin, dal 2014 appartenente al gruppo Kering, il Diver Net è un orologio subacqueo 300m dotato di movimento UN-118 con tecnologia al silicio e 60 ore di riserva di carica.

La Vendée Globe è l’atto conclusivo di un anno che la marca ha affrontato con strategie molto mirate, come ha dichiarato Francoise Bezzola, cief marketing officer di Ulysse Nardin: «Abbiamo accelerato lo sviluppo del nostro e-commerce e lo abbiamo implementato nel Regno Unito e negli Stati Uniti all’inizio di giugno. Il personale di vendita era a casa, quindi sono state condotte diverse sessioni di formazione per mantenere forti legami emotivi con il marchio. È stata lanciata con successo la nuova collezione Blast alla fine di agosto, durante l’unico evento che ha riunito la comunità orologiera nel 2020, i Geneva Watch Days. Quindi abbiamo puntato su campagne digitali forti, altamente mirate, per ottenere visibilità. Infine abbiamo la fortuna di essere cronometristi ufficiali di Vendée Globe, uno dei pochi eventi sportivi internazionali a non essere stato cancellato quest’anno».

Riguardo alle prospettive per l’immediato futuro Francoise Bezzola continua: «Le nostre vendite in Asia stanno andando bene e ci aspettiamo che questa tendenza si rafforzi. Il sell out dei nostri nuovi prodotti è buono nonostante la situazione sanitaria. Riteniamo che la strategia di posizionare il nostro marchio al vertice della modernità sia quella giusta e continueremo a scavare in quella direzione».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti