Opinioni

Perché lo smart working diventa ancora più utile

di Paola Profeta


default onloading pic
(Agf Creative)

3' di lettura

In questi giorni di emergenza per la diffusione del coronavirus, Smart-Working è diventata una parola chiave. Lavorare in modo flessibile, da casa o da un luogo sicuro e poco affollato, che non sia il posto di lavoro, e lavorare con orari flessibili non necessariamente dalle 9 alle 5, sta diventando una necessità più che un'opzione. Con le scuole chiuse e la raccomandazione di evitare posti affollati, l'alternativa è non lavorare proprio. Le aziende che si sono dotate, grazie alla tecnologia, di questa possibilità riescono ora a far fronte all'emergenza molto meglio e più facilmente di chi ha opposto resistenza o non ha dato abbastanza importanza alla nuova modalità di organizzazione del lavoro, regolamentata in Italia dalla legge 81/2017. La corsa allo smart-working ha preso un'accelerata. Milano sta lavorando smart come mai prima.

Ma cosa sappiamo sullo smart-working? Esistono molte indagini, per lo più di tipo qualitativo, svolte ex post su campioni di lavoratori che utilizzano questa modalità flessibile nel luogo e nel tempo di lavoro. Queste indagini, condotte per lo più in ambito non accademico, pur dando alcune indicazioni interessanti, non riescono ad individuare un rapporto di causa-effetto tra l'utilizzo dello smart-working e le sue conseguenze sulla società e l'economia. Il progetto ELENA sviluppato dal Dipartimento Pari Opportunità con il Centro Dondena dell'Università Bocconi, che si è concluso l'anno scorso, è l'unico al momento in grado di individuare tale relazione. Il progetto ha previsto il disegno di un esperimento randomizzato in cui un gruppo di lavoratori di una grande azienda è stato selezionato in modo casuale per lavorare smart per 9 mesi (gruppo trattato) e un altro gruppo (di controllo) ha continuato a lavorare tradizionalmente.

Confrontando i risultati dei lavoratori del gruppo trattato e di quello di controllo si ottiene una stima degli effetti causali dello smart-working sugli indicatori rilevanti: produttività, benessere individuale e bilanciamento tra vita lavorativa e vita personale. I risultati scientifici, da cui ha origine il paper “Smart-working: Work flexibility without contstraints” (Marta Angelici e Paola Profeta), sono tutti positivi: lo smart-working ha aumentato la produttività dei lavoratori, migliorato il benessere e migliorato il bilanciamento tra lavoro e famiglia. Tutti gli indicatori di produttività vanno nella stessa direzione: la produttività è stata misurata in modo oggettivo sulla base dei risultati dei lavoratori, del rispetto delle scadenze e del numero di assenze, e in base al giudizio dei supervisori di ciascuno lavoratore. Il benessere è aumentato: i lavoratori smart sono più soddisfatti della loro vita sociale, del loro tempo libero, sono più concentrati, apprezzano di più le loro attività quotidiane, riescono a risolvere meglio i problemi e prendere decisioni, riducono lo stress e la mancanza di sonno. Lo scetticismo, anche legittimo, in base al quale ridurre il controllo sui lavoratori può ridurre il loro commitment, non ha riscontro nell'evidenza, anzi, i lavoratori smart si sentono più impegnati nel loro lavoro.

Come prevedibile, i risultati sono più forti per le donne, che tipicamente hanno esigenze di bilanciamento tra lavoro e famiglia maggiori e quindi maggiore necessità di flessibilità, soprattutto di orari. Ma è interessante sottolineare che, a seguito dello smart-working, anche gli uomini aumentano il tempo dedicato alle attività di cura e attività domestiche. Si tratta quindi di uno strumento in grado di ridurre le differenze di ruoli tra uomini e donne all'interno della famiglia, che, sappiamo, hanno un ruolo fondamentale nelle differenze di genere sul mercato del lavoro.
Uno strumento utile, con effetti positivi, e a volte, come stiamo capendo in queste ore, anche necessario.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...