ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùborsa

Pernod balza a Parigi dopo aumento cedola e lancio buyback

Il secondo gruppo di alcolici al mondo ha chiuso l'esercizio 2018/2019 in crescita alzando la remunerazione degli azionisti con un payout del 50%

di Cheo Condina

2' di lettura

Pernod Ricard balza in Borsa a Parigi, dove guadagna il 3% a 171 euro dopo i conti 2018/2019 (chiusi al 30 giugno scorso) ma soprattutto dopo l'annuncio di un buyback da 1 miliardo di euro e di un aumento del dividendo a 3,12 euro per azione con un payout pari al 50% sull'utile. Il numero due al mondo degli alcolici ha archiviato l'esercizio con ricavi oltre 9 miliardi (+5%) mentre il risultato operativo è aumentato del 9,5%: entrambi i dati sono superiori ai target che si era fissato il gruppo mentre l'utile netto è calato dell'8% a 1,4 miliardi a causa tuttavia del fatto che l'esercizio precedente aveva beneficiato di alcune poste straordinarie. Spicca, in particolare, l'incremento del fatturato in Cina e India, rispettivamente +21% e +20%, con i marchi Cognac Martell e la vodka Absolut che hanno fornito "performance eccellenti" a Pechino. Il management si è detto molto soddisfatto dei risultati raggiunti anche se va ricordato che il fondo attivista Elliott, entrato in Pernod Ricard a dicembre 2018 con il 2,5%, più volte nei mesi scorsi ha sottolineato come gli obiettivi della società siano poco ambiziosi.

In ogni caso, come detto, il gruppo ha annunciato oggi anche l'aumento dei dividendi rispetto all'anno precedente e il lancio di un programma di acquisto di azioni proprie fino a 1 miliardo di euro che verrà implementato nell'attuale esercizio e nel prossimo. «Una politica finanziaria che dimostra fiducia nel futuro», sottolineano gli analisti di Invest Securities» che invece giudicano positivamente gli obiettivi che si è posta l'azienda francese per il futuro, tra cui la crescita dei profitti da operazioni ricorrenti compresa tra il 5% e il 7% per l'intero anno fino al 30 giugno 2020.

Loading...

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti