edilizia

Pessina costruzioni ammessa al concordato in continuità

Il Tribunale ha convocato per il 14 luglio l’adunanza dei creditori per l’approvazione della proposta concordataria

di Laura Cavestri

(Imagoeconomica)

1' di lettura

Ancora 4 mesi per conoscere il destino della Pessina costruzioni.
Il Tribunale di Milano – con decreto pubblicato lunedì – hs infatti comunicato di aver ammesso la Pessina Costruzioni alla procedura di concordato preventivo in continuità ai sensi degli articoli 163 e 186-bis della Legge fallimentare. Il Tribunale ha inoltre convocato per il 14 luglio l’adunanza dei creditori per l’approvazione della proposta concordataria.

Le attività di Pessina Costruzioni saranno svolte in continuità nel corso di tutta la procedura concordataria, in modo da soddisfare i creditori, garantire i livelli occupazionali e portare avanti le opere in corso.

Loading...

Ora i commissari nominati dal Tribunale avranno 120 giorni per mettere nero su bianco il piano sulla base del quale la società si presenterà all’assemblea dei creditori per farsi approvare la exit strategy dalla crisi. Dal velodromo trevigiano di Spresiano all’ospedale di La Spezia, il gruppo Pessina punta a reperire il cash flow necessario a pagare tutti, almeno sino a una certa soglia percentuale.

Storica società del comparto costruzioni con un portafoglio ordini consolidato da circa 900 milioni, dei quali oltre il 9o% concentrato in Italia, Pessina nel 2018 aveva approvato un piano di sviluppo che prevedeva alcune operazioni finanziarie tra le quali il salvataggio della società altoatesina Oberosler (in concordato), di cui ha rilevato i cantieri e 50 dipendenti. Il piano prevedeva il perfezionamento di alcuni passaggi, poi ritardati tanto da creare una situazione di squilibrio che si è poi sommata alla crisi dell’edilizia.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati