materie prime

Petrolio, accordo all’Opec+ per il taglio della produzione

L'intesa è sulla riduzione di 9,7 milioni di barili al giorno. Il Messico taglierà 100mila barili al giorno

Perché Trump non vuole il crollo del petrolio

L'intesa è sulla riduzione di 9,7 milioni di barili al giorno. Il Messico taglierà 100mila barili al giorno


2' di lettura

L'Opec+ ha raggiunto un accordo per un taglio della produzione di petrolio e per mettere fine alla guerra dei prezzi. Lo riporta l'agenzia Bloomberg citando alcuni delegati. L'intesa è sulla riduzione di 9,7 milioni di barili al giorno. Il Messico ridurrà la sua produzione di 100.000 barili al giorno. Gli Stati Uniti, il Brasile e il Canada contribuiranno con un taglio complessivo di 3,7 milioni di barili. Dopo una settimana di colloqui bilaterali e quattro giorni di videoconferenze con i ministri di tutto il mondo, è finalmente emerso un accordo per affrontare l'impatto della pandemia globale sulla domanda.

La vittoria diplomatica del Messico
I colloqui si stavano chiudendo con un nulla di fatto a causa della resistenza del Messico, poi la svolta dopo un fine settimana di diplomazia frenetica. L’organizzazione dei paesi produttori di petrolio (Opec+, che riunisce anche l’Opec storica, più Russia e altri produttori) taglierà 9,7 milioni di barili al giorno (il 10% della produzione mondiale), appena sotto il piano iniziale di 10 milioni. Il Messico sembra aver ottenuto una vittoria diplomatica, riposta Bloomberg: taglierà solo 100.000 barili, meno della sua quota proporzionale.

Le difficoltà degli Usa
Con il virus che paralizza i viaggi aerei e terrestri, la domanda di benzina sta crollando e i prezzi del greggio sono scesi ai minimi di 18 anni. Ciò ha minacciato il futuro dell'industria americana dello scisto e la stabilità degli stati dipendenti dal petrolio. La domanda ora per il mercato petrolifero è se i tagli saranno sufficienti a fermare la caduta dei prezzi. Con i paesi di tutto il mondo che estendono i loro blocchi, il bilancio delle vittime cresce a New York e la disoccupazione che esplode in America, il mercato del petrolio è ora molto più preoccupato per i consumi che per l'offerta.

Le preoccupazioni di Trump
Per concludere l’accordo, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è dovuto intervenire, dopo che il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador, un populista di sinistra che si è impegnato a sostenere il valore della produzione petrolifera del Messico, si era opposto. Il petrolio grezzo West Texas Intermediate era calato più del 9% giovedì.

APPROFONDIMENTI:
Petrolio, nella guerra dei prezzi Riad combatte anche in mare

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti