ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùNuove stime Aie

Petrolio, per la Russia ora le entrate si riducono (anche se l’export corre)

Mosca riesce ancora a esportare a livelli vicini a quelli di prima della guerra. Ma il valore del suo greggio crolla rapidamente. L’Aie taglia le stime anche sugli introiti passati: da marzo erano sopravvalutati per un miliardo al mese in media

di Sissi Bellomo

(AdobeStock)

3' di lettura

Più barili, meno entrate. Le sanzioni cominciano a pesare sull’industria petrolifera russa, con incassi che si riducono nonostante le esportazioni continuino – almeno per ora – a correre. A novembre, l’ultimo mese prima dell’embargo europeo, Mosca ha esportato 8,1 milioni di barili al giorno, il massimo da aprile. Rispetto a ottobre sono 270mila barili al giorno in più, eppure i ricavi sono diminuiti di 700 milioni, a 15,8 miliardi di dollari. È quanto emerge dall’ultimo rapporto mensile dell’Agenzia...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti