AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca e sfrutta l'esperienza e la competenza dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni. Scopri di piùBrent a 125 dollari

Petrolio più caro del 75% in sei mesi, così l’embargo farà meno danni a Mosca

Anche il fattore tempo potrebbe giocare a favore della Russia, che compensa le vendite perdute in Europa con maggiori acquisti di altri Paesi: a maggio le sue esportazioni sono risalite ai massimi dal 2019

di Sissi Bellomo

Borrell: "Sul petrolio grande passo avanti dell'Ue"

2' di lettura

L’Europa ha trovato l’accordo per mettere al bando il petrolio russo, ma l’embargo rischia – per almeno tre motivi – di avere un impatto più debole del voluto sulle finanze di Mosca. In primo luogo c’è il fattore prezzi: se a causa delle sanzioni i combustibili diventeranno ancora più cari questo potrebbe limitare, o addirittura azzerare, l’effetto di un calo delle esportazioni russe.

In secondo luogo c’è il fattore tempo, con una gradualità nell’avvio dell’embargo che non agevola soltanto gli europei...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti