Primo contatto

Peugeot 308 e 308 SW, la recensione: come vanno e quanto costano le due nuove medie

La prima ad arrivare sarà la berlina a 5 porte a gennaio 2022 ritardata rispetto al debutto previsto a settembre. La station wagon seguirà entro e non oltre il primo trimestre 2022

di Corrado Canali

7' di lettura

La 308 di Peugeot non è soltanto un modello che completamente nuovo, sia la berlina che la station wagon, ma che è anche disponibile per la prima volta in versione ibrida plug-in. Se Peugeot come modello di riferimento per la 308 aveva a lungo messo nel mirino la Volkswagen Golf oggi la nuova media del costruttore francese di Stellantis guarda molto più in alto per sfidare modelli premium come la Bmw Serie 1 o la Mercedes Classe A. Per farlo ha messo mano ad un design non solo attraente, ma molto distintivo che dopo avere debuttato sull’utilitaria 208, ha poi contribuito al successo dei tre suv della famiglia del brand francese che sono come noto la 2008 e le 3008 e 5008.

Peugeot 308 e 308 SW tutte le foto del debutto in strada

Peugeot 308 e 308 SW tutte le foto del debutto in strada

Photogallery22 foto

Visualizza

Allineata al più recente stile del brand francese

La nuova Peugeot 308 si allinea al nuovo stile della Casa, richiamando però anche alcuni elementi del passato come il nuovo logo che proprio sulla 308 berlina e station wagon debutta che è ispirato a quello degli anni sessanta e la forma dei finestrini posteriori che viene chiamata a scudo a medaglia introdotta per la prima volta dalla Peugeot 205 e successivamente utilizzata da numerosi altri modelli. La diversità delle due varianti è evidente ma le dimensioni che sono decisamente compatte garantiscono un colpo d'occhio che rende le due varianti molto, ma molto simili tanto che su strada è difficile distinguerle se non dopo un attento esame, mentre alla guida il comportamento è lo stesso.

Loading...

Il confronto con i due modelli premium concorrenti

Di inedite ci sono innanzitutto delle proporzioni e una cabina molto arretrata che sono le stesse o quasi della Serie 1 o il nuovo touchscreen meglio definito che è decisamente più reattivo con un assistente vocale in stile Mercedes che non a caso si richiama con un Hey Peugeot per cambiare l’aria condizionata o la stazione radio a cui si aggiungono tante sistemi di assistenza alla guida molto utili per il guidatore. L'abitacolo è un ambiente di classe per trascorrere il tempo richiesto da un lungo viaggio. Il touchsceen standard da 10 pollici dispone di una serie di tasti tutti personalizzabili per potere così accedere facilmente alle funzioni preferite di chi è guida e agli alti occupanti l’auto.

Un differenziale di 1000 euro fra le due versioni

La nuova 308 a cinque porte è proposta ad un prezzo a partire da 23.750 euro col motore a benzina, mentre per la versione ibrida plug-in si parte da 36.750 euro. A parità di motore e di allestimento la station wagon costa 1.000 euro in più. I motori disponibili sono i due termici di 1.200 cc a benzina Puretech da 110 o 130 cv e il 1.500 cc diesel BlueHDi da 130 cv, mentre l’elettrizzata plug-in hybrid è equipaggiata con un powertrain con due livelli di potenza: da 180 o da 225 cv. Il sistema si basa sul turbo benzina di 1.600 cc e sull'unità elettrica alimentato da una batteria da 12,4 kWh per 60 km in modalità elettrica.

Cinque allestimenti per berlina e station wagon

Tutte le motorizzazioni sono offerte di serie con un cambio manuale a 6 marce, mentre la Hybrid con quella automatica a 8 rapporti, disponibile come optional sulle altre versioni, esclusa la 1.200 cc benzina da 110 cv di base. A proposito di allestimenti, per la nuova 308 ne sono previsti cinque. In tutti i casi si tratta di soluzioni complete che arrivano ad offrire di tutto e anche di più nelle versione che sono top di gamma. Una dotazione specifica è, invece, riservata ai modelli elettrificati. Sin da quello base fino agli altri livelli di dotazioni che sono Active Pack, Allure, Allure Pack, GT e GT Pack la dotazione di serie è completa.

Pacchetto completo di sistemi di sicurezza

Il livello di ingresso l'Active Pack comprende tanti sistemi di sicurezza dalla frenata d'emergenza, al controllo di uscita dalla corsia, dal riconoscimento dei segnali stradali che si aggiungono a dotazioni come il climatizzatore automatico bi-zona, il parabrezza ad isolamento acustico, l'accensione automatica di proiettori e di tergicristalli, i fari a Led e la strumentazione digitale col display da 10 pollici. L'Allure, invece, aggiunge elementi funzionali e di design, tra cui il sistema anticollisione e i fari adattivi, i sensori di parcheggio anteriori, i fari a Led integrali anteriori, la griglia con inserti cromati e due prese USB sistemate nella parte dietro dell’abitacolo e destinate agli altri occupanti della vettura.

L’allestimento al centro della gamma di entrambe le 308

L'allestimento Allure Pack propone, invece, quattro ulteriori sistemi di sicurezza come il cruise control adattivo con funzione di stop & go, la visione dell'angolo cieco e l'allerta della presenza del traffico in arrivo, i cerchi da 17 pollici e il caricatore senza fili. Si sale poi all'allestimento GT con un carattere sportivo grazie alla pedaliera e le soglie porte in alluminio, il volante riscaldato, i cerchi da 18 pollici, i fari matrix full Led e la strumentazione 3D. Più in alto ancora è previsto il GT Pack coi sedili riscaldati e massaggianti anche a regolazione elettrica, il potente impianto Hi-Fi Focal con 10 altoparlanti e il sistema visiopark con quattro telecamere per semplificare al massimo le manovre.

L’ibrido con la massima potenza da 225 cv

Per il primo contatto la scelta è stata la versione berlina con il plug-in da 225 cv a trazione anteriore e cambio automatico a 8 rapporti. Un’elettrificazione che punta a dare brillantezza alla compatta francese, ma anche a diminuire consumi ed emissioni. Un buon powertrain, con l'elettrico e il benzina che lavorare insieme in perfetta sincronia. Non mancano naturalmente le differenti modalità di guida: Electric, per viaggiare a emissioni zero, Hybrid per lasciare al sistema il decidere quale motore azionare e Sport, per avere tutti e i 225 CV a disposizione. In alternativa per la 308 Station Wagon la scelta è andata sul benzina da 130 cv automatica abbinata alla trasmissione manuale a 6 marce.

La piattaforma EMP2 riveduta in alcuni dettagli

A far da base ad entrambe le varianti c'è il powertrain EMP2 che è stato riveduto in alcuni punti non nelle sospensioni che sono sempre McPherson all’anteriore e ponte torcente al posteriore, per un comportamento generale leggermente più grintoso non solo nell’assetto, ma anche nello sterzo col giusto carico in più. I poco più di 1.700 kg di peso si fanno sentire con una leggera inerzia là dove si inizia a spingere in curva, con i 225 cv del sistema con un posteriore neutro e un rollio controllato. Una compatta, insomma, confortevole quando si viaggia in autostrada con gli assistenti alla guida di Livello 2 decisamente progressivi nell’impiego, ma molto decisi nei loro interventi.

Il listino della berlina a 5 porte la prima ad arrivare

I prezzi della nuova Peugeot 308 5 porte partono da 24.550 euro per la 1.2 PureTech con cambio manuale 6 marce e allestimento Active Pack, comprensivo cerchi da 16 pollici, di frenata automatica d'emergenza, climatizzatore di tipo automatico bizona, sensori di parcheggio posteriori, monitor centrale da 10 pollici, strumentazione digitale e sistema keyless. Al top c'è la plug-in da 225 cv in allestimento GT Pack che offre standard i cerchi in lega da 18 pollici con design esclusivo, drive assist pack, luci anteriori a matrice di Led, interni in Alcantara, telecamera a 360 gradi, impianto audio di livello del fornitore esclusivo Focal ad un prezzo di listino di 43.450 euro.

La gamma motori offerta dalla station wagon

L’offerta della versione familiare prevede come versione di ingresso la motorizzazione benzina di 1.200 cc da 110 in allestimento Active Pack 308 che ha un listino di 24.750 euro, esattamente 1000 euro in più della corrispondente versione di 308 berlina a 5 porte. La gamma diesel, invece, parte dai 27.550 euro della 130 con lo stesso allestimento. Infine per l'offerta ibrida plug-in si parte dai 37.750 euro della versione da 180 cavalli, ma nel più ricco allestimento disponibile che è l’Allure. Da segnalare che tutto i livelli di allestimento proposti offrono un vero e proprio pacchetto di soluzioni molto completo come del resto disponibile anche per la versione berlina a 5 porte.

Lancio della berlina spostato all’inizio del 2022

La 308 a 5 porte non sarà in vendita prima di gennaio mentre si era ipotizzato che lo sarebbe stata alla fine di settembre. Ma visto che gli ordini sono già stati aperti è possibile capire come la 5 porte francese si inserisce sul mercato in termini di prezzi rispetto alle concorrenti. Per fare questo primo confronto la scelto è stata la versione centrale della gamma, vale a dire la Peugeot 308 PureTech Turbo 130 S&S col motore 1.200 cc a benzina da 130 cv, il cambio manuale a 6 marce e l’allestimento Allure. Il prezzo di questa variante è di 26.750 euro paragonabile alle potenziali concorrenti che sono la Ford Focus, la Kia Ceed, la Opel Astra, la Renault Megane, la Seat Leon e la Volkswagen Golf.

Le principali concorrenti della berlina a 5 porte

Il primo confronto di prezzo, per tutte le vetture indicate relativo è da considerarsi a listino senza offerte e nessun tipo di promozioni: il risultato mostra come la nuova Peugeot 308 si vada a piazzare quasi esattamente al centro di questa particolare classifica dei costi, con la Renault Megane che siimpone per la spesa più alta e la Seat Leon che, invece, risulta quella più economica. Per ottenere questo buon risultato, la Peugeot 308 parte dal vantaggio di una dotazione già piuttosto completa anche nel secondo livello di allestimenti, la Allure che tutte le dotazioni previste include anche i cerchi in lega da 17 pollici e i fari full Led soluzioni di livello per l’auto francese.

Le differenze della dotazioni offerte dai concorrenti

A cui si aggiungono abbaglianti automatici, strumentazione digitale, climatizzatore automatico bizona, vetri posteriori oscurati, sensori di parcheggio davanti e dietro, oltre a telecamera a 180 gradi, sedili sportivi e navigatore su schermo touch da 10 pollici. L’unica concorrente ad offrire due importanti dotazioni in più a un prezzo simile è la Kia Ceed che propone la motorizzazione mild hybrid e il cambio automatico doppia frizione a 7 marce. La concorrente diretta per eccellenza, la Volkswagen Golf, manca invece nella dotazione di serie dei cerchi da 17 pollici e del climatizzatore bizona, offrendo però in più il cruise control adattivo utile nell’utilizzo dell’auto nei lunghi viaggi.

In arrivo nel 2023 anche la versione 100% elettrica

La gamma motori per entrambe le vetture comprende anche il benzina di 1.200 cc da 130 cv 1.500 cc diesel da 130 cv, con cambio manuale standard e l'automatico a 8 marce in opzione e l’ibrido plug-in da 180 cv, mentre nel 2023 arriverà anche la versione 100% elettrica. Della versione sportiva ancora non si sa praticamente nulla, solo che se mai verrà prodotta non si chiamerà come in passato 308 GTi, ma 308 PSE, il nuovo brand sportivo della casa Leone portato dal debutto dalla 508. E come l’ammiraglia anche l’eventuale Peugeot 308 PSE adotterà un powertrain ibrido con 2 motori elettrici per una potenza di 300 cv.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti