stellantis

Peugeot svela la nuova hypercar per Le Mans e i 7 piloti ufficiali

Il brand francese del Gruppo Stellantis punta a vincere nel 2022 la più celebre fra le corse di durata al mondo con un supercar ibrida da 680 cv e con un gruppo di driver di grande esperienza nelle corse di durata.

di Corrado Canali

4' di lettura

Peugeot Sport, la divisione tecnologica che si occupa della progettazione delle vetture da competizione della Casa del leone ha attinto dalle sue passate esperienze nell'endurance in cui ha corso coi motori V8 e V12 propulsori con la 908 e di PSA Motorsport nelle gare di WRC coi motori 4 cilindri per sviluppare per la nuova Hypercar un propulsore V6 biturbo da 2600 cc a V di 90° accreditato di una potenza di 550 kW pari a 680 cv sistemato alla spalle del pilota e abbinato al motore elettrico da 200 kW collocato nella parte anteriore. L'unita motrice pesa soltanto 165 kg, a cui va poi aggiunta sia la trazione sulle quattro ruote motrici oltre che una trasmissione sequenziale e di 7 rapporti.
In pista per gli ultimi collaudi alla fine dell'anno
L'Hypercar ibrida che non ha ancora un nome andrà in pista entro la fine di anno, dopo aver condotto le simulazioni del powertrain al banco, in due fasi separate. Peugeot Sport, nell'attesa, ha presentato i piani del ritorno nel mondiale Endurance, con il progetto Hypercar e alle caratteristiche molte delle quali già note, ha affianca la formazione piloti che porteranno in pista dal 2022 le due vetture Hypercar schierate al via del mondiale Endurance con l'obiettivo di centrare la vittoria nella più mitica delle corse di durata, quella di Le Mans.

Sette piloti annunciati per la squadrone Peugeot
Nomi di peso nell'endurance, quelli annunciati da Peugeot: il francese Jean-Eric Vergne 30 anni, lo scozzese Paul Di Resta 34 anni, il francese Loic Duval 38 anni, l'americano Gustavo Menezes 26 anno e poi il danese Mikkel Jensen 26 anni e l'altro danese Kevin Magnussen 28 anni. A cui si aggiunge l'inglese James Rossiter 37 anni il pilota di riserva e tester ufficiale. I sette piloti scelti da Peugeot sono il risultato di una valutazione che ha passato in rassegna 15 piloti, ha spiegato Olivier Jansonnie, direttore tecnico del progetto WEC Hypercar per il brand del Leone parte del Gruppo Stellantis.

Loading...

Driver di esperienza per sviluppare la Hypercar
Tutti i piloti hanno esperienze in Formula 1 o nello stesso mondiale endurance, alcuni sono anche ex compagni di squadra. La gare di durata del resto sono note per essere una tipologia di competizioni in cui l'elemento umano ha la sua importanza e al tempo stesso lo spirito di squadra risulta in molti casi essenziale. Nel corso di quest'anno i sei piloti titolari scelti da Peugeot più quello naturalmente di riserva contribuiranno allo sviluppo della nuova hypercar in attesa del campionato mondiale che si svolgerà nel 2022.

Il regolamento della nuova categoria Hypercar
Ha preso corpo il regolamento Fia delle nuove Le Mans Hypercar, la categoria che andrà a prenderà il posto a partire già quest'anno delle attuali vetture classe LMP1. La Federazione internazionale dell'automobile ha anticipato le linee guida dell'approccio tecnico e di estetica delle hypercar partecipanti che dovranno abbinare la competizione sportiva al contenimento dei costi che si dovrebbe ottenere attraverso il nuovo concetto delle finestre di prestazioni. Limitando i costi, ai progettisti pur senza limiti di progettazione oltre che di geometrie sono stati indotti a non prendere in considerazione della soluzioni troppo costose visto che sarebbero state ininfluenti in termini di velocità.

La riduzione dei costi alla base del progetto
L'autonomia concessa, inoltre, consente di replicare sulle auto l'identità del marchio, fondamentale per i costruttori che volessero partecipare mantenendo nelle vetture la filosofia della propria progettazione. Ridotti anche i vincoli aerodinamici, per garantire la possibilità di incorporare elementi di stile nel design. Analogamente alla precedente classe LMP1, inoltre, sono consentiti propulsori ibridi che motore termici e ancora con trasmissione su entrambi gli assi, anteriore o in alternativa posteriore.

Il metodo della misurazione dei diversi parametri
Il principio delle finestre di prestazione è il nuovo approccio normativo per questa categoria di vetture Endurance ed è basata su un nuovo metodo di misurazione dei parametri di prestazione, ottenuti anche grazie a più efficienti processi di acquisizione e analisi dei dati. I valori minimi e massimi sono stati fissati per aree come unità di potenza e prestazioni aerodinamiche e le auto dovranno adattarsi a quelle finestre. La potenza è fissata a 500 kW, mentre il peso minimo a 1030 kg. Parametri rispettati dalla nuova hypercar di Peugeot.

L'omologazione avrà una validità per 5 anni
Durante il processo di omologazione, le vetture vengono misurate in galleria del vento, la carrozzeria viene riprodotta, mentre le prestazioni del motore sono misurate in tempo reale in pista con l'utilizzo di misuratori di coppia. Questo per garantire che le auto si adattino alle finestre di prestazioni. Il progetto viene poi congelato per il ciclo di omologazione che sono di 5 anni per le auto sviluppate per la stagione 2021, assicurando che restino invariate per tutta la durata. Le eccezioni saranno comunque consentite se incorrono dei problemi di affidabilità o di deficit di prestazioni in fase di sviluppo.

In esclusiva pneumatici Michelin in diverse misure
La limitazione dei costi e i risparmi sono l'altro obiettivo. Poiché la stagione 2021 è la prima nel ciclo di omologazione LMH, i test sono supervisionati. L'uso di materiali e tecnologie costosi è notevolmente limitato. Il peso minimo per il cambio è fissato a 75 kg, con l'uso di carcassa in magnesio o alluminio. Anche le sospensioni sono semplificate, con un design a doppio braccio oscillante obbligatorio e sono vietati ausili come sistemi attivi e ammortizzatori di massa. È consentito anche un solo kit aerodinamico, senza distinzione per Le Mans e le altre gare del mondiale Endurance. Per evitare costi di sviluppo ulteriori, i pneumatici sono forniti solo dal fornitore Michelin con diverse dimensioni per le auto a trazione posteriore o con le quattro ruote motrici.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti