aste in asia

Phillips e Poly Auction insieme nel contemporaneo e XX secolo a Hong Kong

L'industria degli incanti sta subendo cambiamenti significativi a causa della pandemia Covid-19 e sono in aumento innovazioni e collaborazioni tra aziende un tempo rivali

di Maria Adelaide Marchesoni

default onloading pic

L'industria degli incanti sta subendo cambiamenti significativi a causa della pandemia Covid-19 e sono in aumento innovazioni e collaborazioni tra aziende un tempo rivali


3' di lettura

Lo scorso maggio, il segmento delle aste è rimasto sorpreso quando è stata annunciata a Shanghai la collaborazione tra Christie's e China Guardian Auction , seconda casa d'aste cinese, per avviare a settembre a Shanghai, '2020+' la prima collaborazione tematica tra le due case d'asta per rafforzare competenze e sfruttare al meglio il mercato cinese.
Un'altra alleanza tra una casa d'asta occidentale e una cinese è stata siglata ad agosto: si tratta della partnership tra Phillips e Poly Auction . I termini dell'accordo sono tuttavia molto diversi rispetto a quella di Christie's e China Guardian che interesserà principalmente l'area del marketing. Al contrario Phillips e Poly Auction dal prossimo novembre effettueranno insieme le aste di 20th Century & Contemporary Art a Hong Kong. Non solo condivideranno cataloghi e luoghi per le esposizioni in anteprima delle opere, ma anche le vendite vere e proprie.
Questa partnership è pertanto su una scala molto più ampia e, soprattutto, in sede d'asta non sarà rivelato se i lotti saranno offerti da Phillips o Poly Auction. Lo stesso vale per le anteprime: i visitatori non sapranno da quale casa d'aste provengono le opere d'arte, ma potranno chiedere agli specialisti delle due case d'aste informazioni più dettagliate. Infine non è ancora stato comunicato se saranno forniti cataloghi stampati e nelle prossime settimane saranno comunicati i top lot.

Gli incanti
Le aste di novembre si svolgeranno al JW Marriott di Hong Kong e presenteranno dipinti, sculture e altre opere d'arte realizzate da artisti riconosciuti a livello internazionale per la Evening Sale e da artisti emergenti o all'inizio della carriera per la Day Sale. Gli incanti sostituiranno le vendite serali e diurne di 20th Century & Contemporary Art in calendario a novembre 2020 di entrambe le case d'aste. Durante l'asta, il banditore presenterà come al solito i lotti di entrambe le case d'aste, ma anche in questo caso, non sarà specificato se l'opera è di Phillips o di Poly Auction.

Buyer's premium
Per quanto riguarda le commissioni, Phillips applica le spese in base ai livelli del prezzo, mentre Poly Auction addebita il 18% sul prezzo di martello per le vendite a Hong Kong. Al momento non sono stati annunciati dettagli sulle modalità di pagamento per le vendite. Gli accordi non prevedono al momento altre vendite di Poly Auction, come l'Antiquariato e i dipinti cinesi e la calligrafia. Entrambe le case hanno i loro punti di forza in diversi settori dell'arte moderna e contemporanea: Poly Auction nell'arte moderna asiatica, con i dipinti di Wu Guanzhong e Zao Wou-Ki che vendono per milioni di dollari. «The Zhou Village» di Wu Guanzhong è stato venduto a Poly Auction per 236 milioni di HK$ (30 milioni di dollari) nel 2016 e il record non è ancora stato battuto. Phillips Hong Kong ha registrato interessanti performance nell'arte contemporanea occidentale, in particolare per quanto riguarda gli artisti emergenti in asta, tra questi Eddie Martinez, Daniel Arsham e Genieve Figgis.

Le due case d'asta
Phillips ha aperto la sua sede centrale in Asia e ha lanciato la sua prima asta a Hong Kong alla fine del 2015 e da allora ha costruito una forte presenza in Asia attraverso la rapida espansione del suo team in otto grandi città della regione. Ad oggi, Phillips ha tenuto otto serie di aste a Hong Kong, con risultati record in ogni stagione. Nel luglio 2020, le sue vendite a Hong Kong di 20th Century & Contemporary Art & Design hanno raggiunto 272 milioni di HK$, il più alto totale mai realizzato per la categoria battuta da Phillips Asia, stabilendo nuovi record d'asta per sei artisti. Poly Auction è stata fondata nel 2005 e dal 2010 ha mantenuto la sua posizione di leader nelle aste di opere d'arte cinesi in tutto il mondo. Nel 2019 ha realizzato un volume d'affari pari a 8,6 miliardi di RMB. Poly Auction Hong Kong è stata fondata nel 2012 e ha tenuto la sua prima asta nel novembre dello stesso anno. Dalla sua fondazione, l'azienda ha stabilito ogni anno nuovi record di vendite. Nel 2019, Poly Auction Hong Kong ha raggiunto un volume d'affari pari a circa 1,7 miliardi di HK$, mostrando un trend di crescita costante. Il dipartimento di Arte Moderna e Contemporanea ha ottenuto risultati interessanti sin dal suo lancio e attualmente detiene il record mondiale di vendite all'asta per l'«Oracle Bone Period» di Zao Wou-Ki, opere di Wu Guanzhong, così come le opere di scultura e installazione di Yoshitomo Nara.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti