INDUSTRIA

Piaggio Aerospace: iniziano i primi rientri dalla cassa integrazione

di Enrico Netti

2' di lettura

Le procedure di rientro sono iniziate a settembre e sono per lo più ingegneri i primi 40 dipendenti richiamati dalla cassa integrazione straordinaria in Piaggio Aerospace. A dare l’annuncio Vincenzo Nicastro, commissario straordinario della società ligure nel corso di un incontro che si è svolto oggi pomeriggio con i sindacati presso l’Unione industriali di Savona. Il tutto avviene in vista della finalizzazione dei contratti istituzionali per l’acquisto da parte delle Forze Armate di nove P.180 e il riammodernamento di altri 19. È anche stato confermato il graduale progressivo riassorbimento di operai e tecnici fino al completo rientro di tutti gli addetti quando verranno sottoscritti i contratti istituzionali dei P.180. Attualmente sono coinvolte dalla cassa integrazione, nel maggior parte dei casi a rotazione, 488 lavoratori pari a 230 addetti a tempo pieno.

Il commissario straordinario Vincenzo Nicastro (a destra) durante l’incontro

Il commissario straordinario di Piaggio Aerospace ha poi ricordato che il Programma per il rilancio di Piaggio Aerospace e Piaggio Aviation – entrambe in amministrazione straordinaria - è stato depositato presso il Ministero dello Sviluppo Economico a metà del mese di agosto, ben prima del termine di scadenza previsto (30 agosto). In questo momento l’azienda è in attesa che il ministero dello Sviluppo Economico autorizzi l’esecuzione del Programma attraverso un provvedimento che dovrebbe pervenire entro i primi 15 giorni di ottobre, dopo che il Comitato di Sorveglianza ha già espresso il proprio parere favorevole.

Loading...

Tra i temi affrontati nell’incontro anche la firma del decreto per l’acquisto di un sistema P.1HH, la piattaforma drone della società. Il commissario ha confermato alle segreterie sindacali e alle Rsu che la bozza di decreto ministeriale risulta essere stata trasmessa al Parlamento alla fine di agosto e si attende ora il via libera da parte delle due Commissioni Difesa di Camera e Senato.

Per Alessandro Vella, segretario generale Fim Cisl Liguria, l’incontro è stato molto positivo perché il Commissario ha rimarcato: «il mercato civile potrà essere un mercato di espansione importante grazie allo sviluppo e l’evoluzione del P.180». Da parte sua Vella chiede «decisioni urgenti dal nuovo Governo sulle commesse dei P.180 e del P.1HH».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti