ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùenergia

Piattaforma scompare in Adriatico: ritrovata sul fondo a -43 metri

Strappata da una tempesta, estraeva gas dai giacimenti croati di fronte al Veneto e all’Emilia. Individuata da un batiscafo dopo giorni di ricerche

di Jacopo Giliberto

La piattaforma-madre Ivana A (della compagnia petrolifera croata Ina) cui era collegata la piattaforma Ivana D affondata. Credit: Ina

3' di lettura

Il batiscafo ha ritrovato la piattaforma scomparsa. È inabissata sul fondo dell’Adriatico.
La piattaforma non è quella descritta dal regista Sydney Sibilia nel nuovo film « L’Isola delle Rose » (disponibile su Netflix).
La piattaforma Ivana D della compagnia petrolifera croata Ina per decenni ha estratto metano dai giacimenti sotto il fondo dell’Adriatico; era sparita ai primi di dicembre durante una tempesta furiosa, la stessa tempesta di scirocco arrabbiato oltre i 100 chilometri l’ora che aveva tormentato Venezia e il suo Mose in funzionamento sperimentale. La piattaforma era al largo, in centro al golfo di Venezia tra la costa veneta, l’Emilia e l’Istria.

Scomparsa dal radar

Fra un’ondata e l’altra — fronte d’onda 6 metri — la piattaforma era svanita dalle tracce dei radar navali veneti e croati.
Calmato il fortunale, l’equipaggio della piattaforma-madre Ivana A si è sporto dalle battagliole e hanno cercato sul filo dell’orizzonte tracce della piattaforma che fino al giorno prima era sempre stata laggiù.
Niente, orizzonte libero.
Le ispezioni di elicotteri e battelli non hanno dato esito.
Finalmente dopo una settimana la piattaforma Ivana D è stata individuata; dorme reclinata a 43 metri di profondità sul fondo pianeggiante dell’Adriatico a metà tra il delta del Po e Pola in Istria.
Il batiscafo del battello di servizio Junak , della compagnia Brodspas di Spalato, ha rilevato con precisione sul fondo del mare la presenza del relitto.
Non era un’istallazione abitata da un equipaggio permanente e quindi non ci sono timori per la vita delle persone.
Prima del naufragio la piattaforma era entrata in emergenza e aveva chiuso le valvole per impedire dispersioni del gas dal sottosuolo.

Loading...

Il giacimento Ivana

Il campo minerario Ivana da più di 20 anni estrae metano ed è sul versante croato del confine con le acque italiane. Oggi è gestito dalla compagnia petrolifera croata Ina, ma fino a qualche anno fa era condiviso dalla compagnia Inagip, società mista tra l’Ina Naftaplin e l’italiana Eni.
L’insieme del giacimento Ivana si articola su più piattaforme, con l’istallazione “madre” Ivana A, abitata da un equipaggio permanente, e diverse piattaforme collegate.
Il campo Ivana è lo snodo che collega anche i campi minerari italiani Annamaria e Garibaldi e le due piattaforme Izabela gestite dall’Edison.
La piattaforma Ivana D, quella scomparsa in dicembre, si alzava su una sola zampa e non era presidiata; aveva un alloggio d’emergenza per ospitare eventuali tecnici che vi si trovassero bloccati in caso di tempesta improvvisa.

Manutenzione: l’ex ministro croato e Gianni Bessi del Pd

«Potrebbe esserci la mancata o carente manutenzione alla base dell’avaria», ha commentato Davor Štern, già dirigente dell’Ina ed ex ministro croato dell’Economia. «Queste strutture hanno una durata ed è logico che si è meno attenti quando cala il prezzo del derivato e aumentano le spese di gestione, ma soprattutto quando si è giunti al termine dello sfruttamento. È probabile — riferisce Lionella Pausin Acquavita di Radio Capodistria nel citare Štern — che pure le altre strutture dell’area siano nelle stesse condizioni».
Il tema della manutenzione di queste istallazioni in Adriatico è toccato anche da Gianni Bessi, consigliere regionale dell’Emilia Romagna ed esponente del pd romagnolo: «Un documento europeo ha osservato di recente che in Italia e Regno Unito oltre la metà degli impianti fissi ha ormai superato la vita originaria di progetto dei giacimenti. Ecco — osserva Bessi — bisognerebbe potenziare e migliorare le piattaforme attive in modo da avere più metano italiano a chilometri zero e al tempo stesso procedere allo smantellamento in sicurezza di tutte le strutture non più attive».

L’Imu sulle piattaforme: l’Agenzia delle entrate e Scicli

Il Comune di Scicli ritiene che le piattaforme dell’Eni e dell’Edison al largo nel canale di Sicilia di fronte alla costa ragusana siano sul suo territorio e chiede che paghino un’Imu di 89 milioni .
Meglio definita la risoluzione 77 con cui il 2 dicembre l’Agenzia delle entrate ha dato il dettaglio sulla cosiddetta Imu piattaforme petrolifere. La risoluzione ha istituito il codice tributo 3970 per consentire il versamento mediante il modello F24 dell’Impi, l’imposta immobiliare sulle piattaforme marine.

Riproduzione riservata ©

  • Jacopo Gilibertogiornalista

    Lingue parlate: italiano, inglese

    Argomenti: ambiente, energia, fonti rinnovabili, ecologia, energia eolica, storia, chimica, trasporti, inquinamento, cambiamenti climatici, imballaggi, riciclo, scienza, medicina, risparmio energetico, industria farmaceutica, alimentazione, sostenibilità, petrolio, venezia, gas

    Premi: premio enea energia e ambiente 1998, premio federchimica 1991 sezione quotidiani, premio assovetro 1993 sezione quotidiani, premio bolsena ambiente 1994, premio federchimica 1995 sezione quotidiani,

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti