AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùreport mediobanca dopo decisione wto

Piazza Affari dribbla i dazi Usa. Impatti limitati per Leonardo Campari e lusso

Gli analisti di Mediobanca Securities prendono in esame Leonardo, Campari e le società del lusso. Le nuove tariffe non dovrebbero impattare sul business delle quotate milanesi

di Chiara Di Cristofaro

default onloading pic

2' di lettura

Impatto limitato sui titoli italiani dai dazi che partiranno a breve. In un report di stamattina gli analisti di Mediobanca prendono in esame Leonardo, Campari e i titoli del lusso, concludendo che per caratteristiche e business non dovrebbero risentire degli effetti delle nuove tariffe. Il Wto ieri dato il via libera agli Stati Uniti per l'imposizione di dazi su un massimo di 7,5 miliardi di dollari di beni europei, come compensazione per gli aiuti di Stato illegali forniti dall'Ue ad Airbus. L'elenco dei prodotti finali riflette alcune modifiche rispetto alle liste preliminari pubblicate lo scorso aprile e luglio.

Secondo il documento, le tariffe saranno applicate a un range di importazioni dagli Stati membri dell'Ue, con la maggior parte delle tariffe applicate alle importazioni dalla Francia, dalla Germania, dalla Spagna e dal Regno Unito. La data di entrata in vigore di questi dazi supplementari è il 18 ottobre. Gli aumenti dei dazi saranno limitati al 10% sugli aerei civili di grandi dimensioni e al 25% su prodotti agricoli e altri prodotti e gli Stati Uniti hanno l'autorità di aumentarli in qualsiasi momento o modificare la lista dei prodotti.

Sulla base dell'elenco finale, gli analisti di Mediobanca Securities hanno identificato alcuni titoli e settori potenzialmente interessati da questa decisione del Wto. In primis, nel settore difesa, Leonardo: la lista include nuovi aerei e altri velivoli (non militari) di peso superiore a 30.000 kg. «In questa fattispecie possono rientrare un numero di velivoli commerciali prodotti da Airbus» e questo favorirebbe Boeing. Ma visto che Leonardo fornisce entrambi, gli analisti non vedono «un significativo impatto negativo sul gruppo italiano. Riteniamo - affermano - che Airbus e Boeing abbiano all'incirca lo stesso peso nella divisione aerostrutture di Leonardo».

Un altro titolo potrebbe essere Campari, visto che l'elenco menziona la categoria degli alcolici. Si tratta di liquori e liquori aromatici prodotti in Italia, Germania, Irlanda, Spagna e Regno Unito e whisky scozzese, irlandese e single malt. Campari sarebbe quindi coinvolta, ma il marchio Grand Marnier dovrebbe essere escluso. «Considerando l'impatto sul prezzo finale di un unico cocktail e il livello tariffario annunciato, non prevediamo un cambiamento strutturale nelle abitudini di consumo degli Stati Uniti», secondo Mediobanca. Infine, per quanto riguarda i prodotti di marca, la lista esclude le borse. Gli analisti ritengono comunque che anche per i titoli del lusso l'impatto è limitato visto che «l'elasticità della domanda ai prezzi è abbastanza limitata per i beni di lusso».

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...