ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùla giornata dei mercati

Petrolio a 60 dollari spinge le Borse, Milano chiude a +0,8%. Sterlina, top da 2018 sul dollaro

La corsa del greggio sostiene il settore energia, mentre l'operazione Universal di Vivendi spinge i media sulle Borse. La divisa britannica corre grazie ai progressi della campagna vaccinale e al dato sul Pil inglese del quarto trimestre. Spread in calo a 91 punti base

di Enrico Miele e Andrea Fontana

La Borsa, gli indici di oggi 15 febbraio 2021

4' di lettura

Il duo vaccini-petrolio ha spinto al rialzo le borse europee che, orfane di Wall Street, si sono concentrate sul greggio sopra i 60 dollari e sulla campagna vaccinale che sembra accelerare. Con i mercati di Cina, Hong Kong e Usa chiusi per festività, e in attesa del via libera al Piano Biden sugli stimoli fiscali, gli investitori hanno così scommesso sulla ripresa dell’economia, nonostante le nuove misure restrittive introdotte in numerosi Paesi. Anche l'umore dei mercati asiatici ha dato un contributo: alla Borsa di Tokyo, l'indice Nikkei ha chiuso sopra quota 30mila punti per la prima volta dal 1990 grazie al dato migliore delle attese sul Pil giapponese del quarto trimestre.

Petrolio protagonista assoluto con il Wti a New York tornato sopra i 60 dollari: a dare una mano il freddo polare di queste ore in Nord America che ha portato le quotazioni del petrolio sui massimi da 13 mesi visto che si teme per le vie di rifornimento del greggio, soprattutto in Texas. La regina d’Europa a fine seduta è stata Londra (+2,5%) ma si è difesa anche Piazza Affari (+0,8%) mentre lo spread resta intorno alla soglia dei 90 punti, festeggiando l’insediamento del governo Draghi avvenuto sabato scorso, in attesa del voto di fiducia in parlamento.

Loading...

Tenaris protagonista a Piazza Affari

Tra i principali titoli milanesi, gli acquisti hanno premiato il settore oil grazie al rialzo del prezzo del greggio. Tenaris ha guadagnato quasi il 6%, Saipem il 4,9%, Eni il 2,7%. In particolare su Tenaris, che fornisce tubi in acciaio senza saldatura per il settore petrolifero e il gas, va segnalato l'incremento settimanale dei pozzi estrattivi in attività negli Stati Uniti: anche se il numero complessivo resta circa la metà di quelli attivi dodici mesi fa. Secondo Mediobanca Securities, che di recente ha migliorato la raccomandazione sul titolo, la stabilizzazione dei prezzi del petrolio e il recupero della domanda possono favorire il progressivo recupero dell'attività estrattiva e con essa il business di Tenaris.

In evidenza anche Leonardo(+2,5%), favorita dall'andamento della sterlina, e Tim, mentre a livello europeo i media, grazie all'exploit di Vivendi a Parigi, le banche e i gruppi di vendite al dettaglio sono stati ben comprati.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Bene le banche grazie a Draghi e in attesa del consolidamento

E' stata un'altra seduta positiva per il settore bancario: +0,9% l'indice Ftse Italia banche con Unicredit la migliore, seguita da Mediobanca. Bene anche Intesa Sanpaolo che, alla luce delle trimestrali, gli analisti di Credit Suisse indicano come la propria favorita tra le banche europee. In generale però il settore bancario sta beneficiando dell'appetito del mercato per la carta italiana, in particolare titoli di Stato. Gli analisti sono inoltre concordi nel ritenere che a breve inizierà la danza di fusioni e acquisizioni. In prima fila per possibili nozze è Unicredit, sotto i riflettori anche in vista dell'arrivo del nuovo amministratore delegato, Andrea Orcel, che si insedierà dopo l'ok da parte dell'assemblea dei soci, in programma a metà aprile.

Tra i titoli minori del settore del credito, spicca il rialzo di Banca Profilo: l'azionista di controllo Sator Private Equity, fondo gestito dalle società di Matteo Arpe, ha raccolto più di una offerta per cedere il proprio pacchetto come annunciato la scorsa estate.

A Parigi Vivendi +20% con lo spin-off di Universal

A Parigi Vivendi ha guadagnato il 20% dopo avere annunciato l'intenzione di distribuire il 60% del capitale della controllata Universal Music Group agli azionisti, come "special dividend", con la successiva quotazione di Umg alla Borsa di Amsterdam. Il board di Vivendi propone inoltre la distribuzione di un dividendo ordinario di 0,60 euro per azione a titolo dell'esercizio 2020. In ascesa anche il titolo della Bolloré, primo azionista di Vivendi, che guadagna il 13,7% a 4,118 euro. In un comunicato diffuso sabato 13 febbraio Vivendi sottolinea che «da molti anni i grandi investitori istituzionali di Vivendi reclamano la scissione o la distribuzione di Universal Music Group per diminuire lo sconto di conglomerata di Vivendi». Prima di procedere a questo passo, però, il cdavoleva «valorizzare Umg adeguatamente», fissandone a 30 miliardi di euro il valore minimo di impresa.

Spread in calo a 90 punti, sale il petrolio. Corre la sterlina

È in leggero calo lo spread tra BTp e Bund. Dopo il giuramento della nuova squadra di Governo guidata da Mario Draghi, il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il pari durata tedesco è tornato a scendere a 91 punti base, rispetto ai 92 della chiusura di venerdì 12 febbraio. In frazionale rialzo, invece, il rendimento del BTp decennale benchmark, allo 0,53% dallo 0,50% dell'ultimo riferimento.

Sul mercato dei cambi, l'euro passa di mano a 1,2135 dollari dagli 1,2120 di venerdì. La moneta unica vale anche 127,85 yen (da 127,15 venerdì), mentre il rapporto dollaro/yen è a 105,35(104,94). L'ottimismo sui progressi della campagna di vaccinazione inglese e il sollievo per i dati riportati venerdì 12 febbraio dalla banca centrale, che hanno rivelato come il Regno Unito sia riuscito a evitare una ricaduta in recessione con una crescita dell'1% nel quarto trimestre e dell'1,2% nel solo mese di dicembre, stanno spingendo la sterlina: il pound è tornato a toccare quota 1,3900 dollari per la prima volta dall'aprile del 2019 e si rafforza anche sull'euro toccando quota 1,145, il livello più alto da nove mesi.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti