si punta al Natale per recuperare il -0,9% di inizio anno

Piccoli editori, dall’Europa la «strategia» per salvare il mercato

di S.U.

default onloading pic
Imagoeconomica


2' di lettura

Il mercato editoriale conta di recuperare il segno positivo grazie a Natale. La prospettiva arriva dall'Associazione Italiana Editori (AIE) in base ai dati forniti da Nielsen che spiega il 2018, dopo tre anni di crescita (+4,5% nel 2017) si è contraddistinto «per una lenta erosione che ha toccato pressoché tutti i mesi dell'anno giungendo nella prima settimana di novembre a totalizzare un complessivo -0,9% a valore. Almeno tre i fattori congiunturali che hanno pesato su questo trend: la crisi che ha colpito il maggior distributore dei banchi libri della grande distribuzione organizzata; il fatto che l'App18 non abbia potuto dispiegare appieno, fino ad ora, le sue potenzialità per il pubblico più giovane e il clima di fiducia dei consumatori che passa a ottobre 2018 da 116,5 a 114,8.

Di questi numeri e soprattutto di quelli che lasciano prevedere il recupero natalizio si discuterà a Roma il 5 dicembre a Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria, in programma fino al 9 dicembre al Roma Convention Center La Nuvola. E sarà in quell’occasione che si darà uno sguardo sull'editoria europea, che rappresenta oltre il 60% del fatturato mondiale del libro, e che permetterà di capire i rapporti tra distribuzione e promozione e le strade che la piccola e media editoria indipendente europea sta percorrendo per ottimizzare il processo e conservare quella visibilità di marchio e di proposta che solo la libreria sa offrire. A raccontare cosa è stato fatto negli altri Paesi saranno Jordi Nadal (Plataforma editorial, Spagna), Sarah Lapalu (L'Association, Francia), Kate Wilson (UK), Diego Guida (presidente Gruppo Piccoli editori dell'AIE).

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti