economia

Pil cinese 2017 a +6,9%: prima accelerazione dal 2010

di Stefano Carrer

default onloading pic
(AP)


2' di lettura

L'economia cinese evidenzia una accelerazione della crescita annuale per la prima volta dal 2010 nel quadro della ripresa economica globale.
Il Prodotto interno lordo della Cina ha registrato nel quarto trimestre 2017 una crescita del 6,8% che porta il ritmo di espansione nell'intero anno a un + 6,9%, rispetto al +6,7% del 2016 che rappresentò la performance meno brillante in 26 anni.

Il dato rilasciato oggi è superiore al target annuale del 6,5% fissato dal governo e migliore del +6,8% ipotizzato nelle recenti stime della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale. Un risultato quindi leggermente superiore alle attese che dà al governo un più ampio spazio di manovra per frenare la crescita del debito nel sistema e accelerare la spinta verso tecnologie meno inquinanti.

Nei giorni scorsi era stato reso noto che il commercio estero l'anno scorso ha registrato una espansione del 14,2%, dopo un paio d’anni di contrazione, mentre lo stesso premier Li Keqiang aveva anticipato il buon risultato del PIl alla luce di performance migliori delle aspettative per esportazioni, entrate fiscali, reddito delle famiglie e profitti aziendali.

L'economia cinese sta vivendo una fase di trasformazioni: i tradizionali settori della “old economy” restano predominanti ma crescono quelli della “nuova economia” (dai servizi finanziari online all'e-commerce) in parallelo a una spinta promossa dalle autorità verso un maggiore rispetto dell'ambiente.

Gli economisti in media si attendono per il 2018 un ridimensionamento della crescita intorno al 6,5%, in linea con quello che dovrebbe essere confermato come target ufficiale. Uno dei rischi che aleggiano sullo scenario di quest'anno riguarda la possibilità che l'amministrazione Trump si muova per cercare di ridurre il forte disavanzo commerciale americano con Pechino.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti