il calendario delle scadenze

Il Pil a «crescita zero» anticipa un autunno di fuoco per i conti pubblici

A settembre arriverà la nota di aggiornamento al Def. Con l'ok alla Nadef si arriva a ridosso dell'invio del documento programmatico di Bilancio a Bruxelles. Sarà l’occasione per convincere la Commissione Ue sulla tenuta dei conti pubblici italiani dopo lo stop alla procedura di infrazione

di Andrea Gagliardi e Andrea Marini


Pil, Italia in stagnazione. Crescita zero nel secondo trimestre

3' di lettura

Il dato sul Pil del II trimestre 2019 (con il prodotto interno lordo italiano fermo sia rispetto ai tre mesi precedenti che su base annua) anticipa un autunno di fuoco per i conti pubblici. A settembre arriverà la nota di aggiornamento al Def, con il testo che, in base al precedente dello scorso anno, dovrebbe essere votato da Camera e Senato a ottobre. Con l’ok alla Nadef si arriva a ridosso dell’invio del documento programmatico di Bilancio a Bruxelles. Una tappa che di fatto apre l’iter della manovra 2019, che terrà occupate le Camere fino a ridosso di Natale.

PER APPROFONDIRE / Il Pil segna il passo: crescita zero nel II trimestre 2019

Con il Dpb si riapre la discussione con Bruxelles
Entro il 15 ottobre, infatti, il governo deve trasmettere a Commissione europea ed Eurogruppo il Documento programmatico di bilancio (Dpb), che registra saldi e misure contenute poi nel testo vero e proprio della legge di bilancio. Sarà l’occasione per convincere Bruxelles sulla tenuta dei conti pubblici italiani dopo la decisione presa lo scorso 3 luglio dalla Commissione europea di ritirare la proposta di raccomandare ai ministri delle Finanze una procedura per debito eccessivo contro l’Italia. Una decisione giunta alla luce delle rassicurazioni sui conti fornite con l’assestamento di bilancio e il decreto che “congela” le minori spese da reddito di cittadinanza e quota 100.

LEGGI ANCHE / Deficit, l'Italia evita la procedura Ue d'infrazione. Confronto rinviato in autunno

20 ottobre: legge di Bilancio in parlamento
Il 20 ottobre c’è la presentazione ufficiale in parlamento da parte del governo del disegno di legge di bilancio. La Manovra 2020 si presenta particolarmente difficile. L’entità complessiva della legge di bilancio dovrebbe essere di almeno 35 miliardi. Si parte da una prima dote di 8-10 miliardi garantita dalle minori spese per quota 100 e reddito di cittadinanza (4-5 miliardi) e dalla nuova fase di spending review in cantiere, che dovrebbe condurre a risparmi per ulteriori 4-5 miliardi. Altre risorse potrebbero arrivare dai tagli agli sconti fiscali. Il governo dovrà poi trovare 23,1 miliardi per sterilizzare gli aumenti 2020 di Iva e accise, previsti dalle clausole di salvaguardia.

LEGGI ANCHE / Conti pubblici, gli esami non vanno in vacanza: il 9 agosto arriva il rating di Fitch

Il calendario (serrato) dei rating
Il 6 settembre è invece la scadenza del rating sovrano dell’Italia da parte di Moody’s. Lo scorso ottobre Moody's ha tagliato il rating dell'Italia di un gradino da Baa2 a Baa3 (outlook stabile), ovvero l'ultimo “step” prima di un giudizio di “non investment grade”: solo un gradino sopra il grado speculativo, quello che si attribuisce ai Paesi (o agli emittenti di debito in genere) che offrono alti rendimenti a fronte di maggiori rischi di non esser capaci di rimborsare i propri creditori. Il 25 ottobre si esprime invece Standard & Poor’s. Quest’ultima lo scorso aprile ha lasciato invariato il rating del nostro Paese a BBB, con outlook però che resta negativo.

Novembre: previsioni economiche Ue e giudizio della Commissione
A inizio novembre la Commissione Ue presenta le sue previsioni economiche d’autunno. Questo sarà un passaggio fondamentale: Bruxelles verificherà il rispetto dei vincoli di bilancio dell’Italia in base ai nuovi paramenti aggiornati su Pil, rapporto deficit-Pil e rapporto debito-Pil. Entro il 30 novembre la Commissione Ue deve esprimere un primo parere sulla legge di bilancio italiana (e su quella di tutti gli altri Stati membri), per verificare l’aderenza agli impegni presi sul fronte dei vincoli di finanza pubblica.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...