ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIstat

Pil Italia fermo a zero nel terzo trimestre, +0,7% variazione acquisita 2023

La variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell’agricoltura, silvicoltura e pesca, di un aumento in quello dell’industria e di una stazionarietà in quello dei servizi

Pil, Bonomi: "Economia resta forte ma dobbiamo mettere carburante"

2' di lettura

Crescita a zero per l’Italia nel terzo trimestre del 2023. L’Istat stima che il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2015, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, sia rimasto stazionario sia rispetto al trimestre precedente, sia rispetto al terzo trimestre del 2022. Lo comunica l’istituto di statistica

Crescita acquisita 2023 resta a +0,7%

La variazione acquisita del prodotto interno lordo per il 2023 è pari a +0,7%, secondo quanto riferito sempre dall’Istat. È lo stesso livello del trimestre precedente.

Loading...

La dinamica nel terzo trimestre

Il terzo trimestre del 2023 - spiega l’Istat - ha avuto tre giornate lavorative in più rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto al terzo trimestre del 2022. La variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell’agricoltura, silvicoltura e pesca, di un aumento in quello dell’industria e di una stazionarietà in quello dei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo negativo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un apporto positivo della componente estera netta

Pil stabile, crescita interrotta

L’economia italiana rimane stabile nel terzo trimestre del 2023 dopo il calo fatto registrare nel secondo trimestre dell’anno. Anche la dinamica tendenziale risulta stabile, interrompendo una crescita che durava da dieci trimestri consecutivi. È il commento dell’Istat al dato sulla crescita.

Pil della Francia frena allo 0,1% nel terzo trimestre

Da registrare che la crescita del Pil della Francia è rallentata allo 0,1% nel terzo trimestre 2023, restando comunque di segno positivo grazie alla ripresa dei consumi delle famiglie: è quanto emerge da una prima stima dell’Istituto nazionale di statistica (Insee) di Parigi pubblicata oggi. Questa modesta progressione del Pil tra luglio e settembre, in linea con le previsioni dell’Insee, segna però un netto rallentamento rispetto alla crescita dello 0,6% registrata nel secondo trimestre.

Pil dell’Eurozona in calo dello 0,1% nel terzo trimestre

Nel terzo trimestre di quest’anno il Pil nell’Eurozona è diminuito dello 0,1% rispetto al trimestre precedente. Nell’insieme dei ventisette Paesi Ue è invece salito dello 0,1%. Lo rende noto Eurostat nella sua prima stima flash diffusa oggi. Rispetto allo stesso trimestre del 2022, il Pil ha segnato un aumento dello 0,1% in entrambe le zone. Tra i Paesi membri per i quali sono disponibili i dati, su base trimestrale l’aumento maggiore è stato registrato in Lettonia (+0,6%), seguita da Belgio (+0,5%) e Spagna (+0,3%). I cali più significativi sono invece stati osservati in Irlanda (-1,8%), Austria (-0,6%) e Repubblica Ceca (-0,3%). (


Riproduzione riservata ©

loading...

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti