ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCongiuntura Flash

Pil, Upb: in calo nella seconda metà 2022, +0,3% in 2023

Aumento prezzo gas ha pesato per 1 punto su 2022. Grazie all’andamento positivo della prima metà dell’anno, il 2022 dovrebbe chiudersi con una crescita del 3,3%

Bankitalia: "Senza il gas russo Pil -1,5% nel 2023"

1' di lettura

L’economia italiana avrebbe registrato nel terzo trimestre una battuta d’arresto, con un calo del Pil dello 0,2%, e nel quarto «la situazione rischia di peggiorare ulteriormente a causa dell’inflazione e del protrarsi delle conseguenze del conflitto in Ucraina». È la stima contenuta nell’ultima congiuntura Flash dell’Upb secondo cui però, «grazie all’andamento positivo della prima metà dell’anno», il 2022 dovrebbe chiudersi con una crescita del 3,3%».

Incertezza molto elevata

L’anno prossimo, invece, nello scenario tendenziale il Pil dovrebbe rallentare decisamente, registrando un’espansione molto modesta (0,3%). L’incertezza «è tuttavia molto elevata».

Loading...

Pil, Upb: aumento prezzo gas ha pesato per 1 punto su 2022

Il rialzo delle quotazioni del gas (triplicato quest’anno rispetto al livello del 2021) avrebbe sottratto circa un punto percentuale alla variazione del Pil del 2022. È la stima contenuta nell’ultima Nota sulla congiuntura dell’Ufficio parlamentare di bilancio.

Il rischio dei prezzi del gas elevati

Se i prezzi del gas si mantenessero su questi livelli anche nel prossimo biennio, sottolinea l’Upb, gli impatti complessivi sul livello del Pil nel 2024 (a tre anni dallo shock) sarebbero di circa tre punti percentuali.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti