MADE IN ITALY

Pininfarina in vetrina al Salone di Shanghai con due concept car avveniristiche

di Simonluca Pini


default onloading pic

4' di lettura

Lo stile italiano si mette in mostra all’edizione 2019 del Salone di Shanghai. Sono infatti firmate Pininfarina la nuova Karma GT e la concept a marchio Grove Hydrogen Automotive Company Limited realizzata dalla divisione cinese del designer italiano. Partendo dalla Karma GT, si tratta una vera “Gran Turismo” di lusso a due porte pronta ad essere costruita su misura in base alle richieste dei clienti. La concept Grove invece porta su strada invece la tecnologia a celle a combustibile a idrogeno, punto di forza dell’azienda cinese.  

Karma GT designed by Pininfarina

Come è nata la novità presentata a Shanghai? Karma Automotive ha contattato per la prima volta Pininfarina nell’agosto del 2018 per collaborare su un progetto basato sulla Karma Revero 2020. Pininfarina ha condiviso con Karma i primi bozzetti lo scorso settembre e il programma di costruzione è iniziato ufficialmente a dicembre. Pininfarina ha iniziato a creare la sua GT preparando il telaio di solo alluminio ad accogliere una carrozzeria a due porte completamente nuova. La concept rispetta le proporzioni della Revero, che sono facilmente riconoscibili, ma l’esterno è del tutto diverso. Trattandosi infatti di un coupé due porte, si sono dovute costruire fiancate completamente nuove. L’auto esprime la sua personalità attraverso apposite modifiche. Il design ed il trattamento delle superfici è semplificato, con linee dall’andamento più fluido e una silhouette più dolce e decisa allo stesso tempo. Approccio utilizzato in ogni dettaglio, come le maniglie, a filo proprio per evitare di creare elementi d disturbo e mantenere i volumi quanto più puri possibile. Un raffinato tettuccio nero a contrasto mette in risalto la tinta color grigio chiaro, mentre i dettagli sono in nero lucido o grigio canna di fucile. La parte anteriore è più aggressiva, con una calandra con stecche simmetriche e fari Led molto caratterizzanti. Gli angoli esterni del paraurti anteriore tendono verso l’alto per armonizzarsi con il segno inclinato presente nella parte bassa del fianco, vicino alla ruota, che conferisce sportività e dà stabilità alla Gt. Due luci posteriori a Led a forma di boomerang incorniciano un posteriore elegante e potente. La linea di cintura della Karma GT designed by Pininfarina, che avvolge la cabina, appare al suo meglio se vista dall’alto, mettendo in evidenza il suo aspetto deciso e dinamico. A bordo arrivano pelli bianche, tono su tono e la trapuntatura dei sedili ha una nuova trama che aumenta la sensazione di comfort. Parti di pelle nabuk morbida come il velluto e l’allestimento in alluminio satinato creano un’atmosfera moderna con un tocco di sofisticatezza dallo stile più tradizionale. Le cuciture in tonalità diverse arricchiscono l’atmosfera dell’interno mentre una piccola bandiera italiana goffrata sullo schienale dei sedili è un rimando alla provenienza della Karma GT designed by Pininfarina. In caso di interesse da parte di un certo numero di appassionati, Karma Automotive ne prevedrà la produzione in serie limitata. In questo caso Pininfarina costruirà le auto nel suo atelier fuori Torino e inviterà i clienti in modo che possano configurare personalmente la loro Gg, rendendo la loro auto un "abito su misura". Per ora, Karma Automotive prende spunto da alcune caratteristiche della Karma GT designed by Pininfarina e le trasforma su veicoli di produzione di prossima uscita.

Concept car Grove di Pininfarina

Grove Hydrogen Automotive Company Limited ha annunciato una vasta collaborazione con la filiale di Shanghai di Pininfarina. La giovane azienda di celle a combustibile a idrogeno mira a trarre vantaggio dai 90 anni di esperienza a tutto tondo di Pininfarina nel mondo delle auto, dallo styling all’ingegneria, e a migliorare la percezione europea delle macchine Grove.

Il primo risultato di questa cooperazione è una concept car progettata da Pininfarina Shanghai. Pininfarina sta anche sviluppando ulteriore lavoro grafico per il marchio cinese che si delineerà nel corso dei prossimi mesi. Le auto del costruttore cinese saranno presenti sulle strade l’anno prossimo e nel corso del 2020 aumenteranno velocemente le versioni presenti.

Pininfarina in Cina

Questi due nuovi lanci al Salone dell’Auto di Shanghai sottolineano l’impegno di Pininfarina sul mercato cinese.  Il marchio ha recentemente esteso le sue attività in Cina sotto la guida del General Manager Simone Tassi, e ha registrato un aumento significativo sia del numero di clienti che di dipendenti. Pininfarina è stata la prima design house italiana a offrire servizi di stile e ingegneristici alle case automobilistiche cinesi a partire dal 1996. Nel 2010 è stata costituita Pininfarina Shanghai con lo scopo di creare una sede satellite di sviluppo del design a Shanghai, il luogo strategico per il settore automotive nell’area asiatica. Oggi Pininfarina Shanghai è uno studio di design in grado di offrire al mercato cinese una gamma di servizi di design a 360°, dall’automotive all’architettura, al design industriale. La lista dei clienti è raddoppiata negli ultimi due anni e include i principali 10 costruttori (come Chery, Dongfeng,

Changan, GAC, JAC e altri), nonché nuove aziende di veicoli elettrici.  Per il brand hi-tech Hybrid Kinetic Group Limited di Hong Kong, Pininfarina ha sviluppato un’intera famiglia di auto elettriche: la berlina di lusso H600 presentata al Salone dell’Auto di Ginevra nel 2017, i SUV K550 a 5 posti e K750 a 7 posti presentati al Salone dell’Auto di Shanghai nel 2017, la HK GT acclamata dalla critica al Salone dell’Auto di Ginevra del 2018, la berlina H500 e il SUV K350 a 4 posti svelato ad Auto China 2018.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...