AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùsettore auto e pneumatici

Pirelli maglia nera a Milano, pesa nuovo warning di Nokian

Il gruppo finlandese ha abbassato le stime sulle vendite di pneumatici, attese in ribasso nell'anno in corso, e ha limato le previsioni sui risultati operativi, che saranno significativamente inferiore al 2019

di Stefania Arcudi

default onloading pic

2' di lettura

Pirelli maglia nera a Piazza Affari con un ribasso superiore al 2%, in controtendenza rispetto al FTSE MIB, in rialzo. A pesare sulle azioni del gruppo italiano è il nuovo warning, dopo quello di ottobre, lanciato dalla rivale finlandese Nokian Tyres, che ha abbassato le stime sulle vendite di pneumatici, attese in ribasso nel 2020, e ha limato le previsioni sui risultati operativi, che saranno «significativamente inferiori al 2019», a causa del rallentamento delle attività in Russia. Nokian ha anche fatto sapere di attendere vendite piatte nel 2019: l'anno scorso «il mercato di auto e pneumatici ha continuato a essere debole in Europa, cosa che si è tradotta in un intensificarsi della concorrenza. La domanda di pneumatici invernali in ottobre-dicembre ha subito le ricadute negative del clima mite nei mercati chiave di Nokian», ha detto la società.

Il warning di Nokian, legato appunto a temi specifici come le vendite in Russia, genera qualche ulteriore dubbio sul settore: secondo gli analisti di Equita, «sebbene il warning sia da attribuire a problemi specifici della società e l'esposizione alla Russia sia bassa sia per Pirelli (3% delle vendite) sia per Michelin (stimiamo pochi punti percentuali), genera qualche dubbio addizionale sulla capacità del settore di mantenere/migliorare il margini operativi». Equita ha confermato la raccomandazione «hold» e l'obiettivo di prezzo a 6,6 euro per azione su Pirelli. Per altro, nei giorni scorsi, erano circolate indiscrezioni su una possibile fusione tra Pirelli e Nokian, subito smentite dal gruppo italiano. La stampa britannica aveva riferito voci di una valutazione in corso da parte di Pirelli per una aggregazione con il gruppo finlandese i cui asset principali sono i pneumatici invernali e l'esposizione nell'area del Nord Europa e in Russia. Al di là della smentita di Pirelli, anche secondo gli analisti un'aggregazione con Nokian è improbabile. Per quanto riguarda il gruppo della Bicocca l'attenzione degli operatori è posta sulla presentazione del piano industriale 2020-22 in calendario il 19 febbraio. Nokian Tyres diffonderà invece i risultati 2019 il 4 febbraio.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...