LA FOTOGRAFIA DI FONDAZIONE MIGRANTES 

Più di 10mila giovani italiani ogni anno vanno a lavorare nelle farm australiane

Oltre 2mila usufruiscono del secondo visto, segnale che quell’esperienza di vita e di lavoro non si conclude dopo gli 88 giorni ma continua. A tracciare le caratteristiche del fenomeno il volume “88 giorni nelle farm australiane. Un moderno rito di passaggio”, presentato a Roma

di Andrea Carli


Più di 10mila giovani italiani ogni anno vanno a lavorare nelle farm australiane

3' di lettura

Da una parte sta diventando quasi una “moda”, un’esperienza che in un mondo sempre più globale va fatta. Dall’altra i giovani italiani che raggiungono l’Australia dove trovano un impiego presso le farm, le famose fattorie di quel paese pone ancora una volta l’accento su un fenomeno, quello delle nuove generazioni che vanno all’estero, che da tempo è al centro delle principali indagini statistiche.

Questa volta a scattare la fotografia su questo aspetto è Fondazione Migrantes, che oggi ha presentato a Roma il volume “88 giorni nelle farm australiane. Un moderno rito di passaggio”.
Oltre 10mila giovani italiani partono ogni anno verso l’Australia con il visto vacanza - lavoro.
Più di 2mila usufruiscono del secondo visto, segnale che l’esperienza di vita e di lavoro nelle lontane campagne australiane non si conclude dopo gli 88 giorni ma continua.

GUARDA IL VIDEO - Piu di 10mila giovani italiani ogni anno vanno a lavorare nelle farm australiane

Sognano l’Australia: i motivi dietro la scelta
Dietro questa tendenza, molteplici fattori, che si intrecciano: la sensazione di immobilismo vissuta in Italia contrapposta alla dinamicità della società australiana, le potenzialità non sfruttate dei giovani, l’importanza della gratificazione e della meritocrazia nel lavoro, la riscoperta di una natura selvaggia, di rapporti umani intensi e di un’esistenza più semplice e libera da convenzioni sociali.

In 13 anni oltre 114mila giovani italiani in Australia con visto di lavoro
Partiamo dai numeri: negli ultimi tredici anni, dal 2005 al 30 giugno 2018, 114.804 giovani italiani di età compresa tra i 18 e i 30 anni sono giunti in Australia con un visto vacanza-lavoro. Di questi, 18.237 persone (15,9% del totale) hanno ottenuto il rinnovo di questo visto dopo aver completato 88 giorni di lavoro presso aziende agricole. L’Italia è la terza nazione europea che, dal punto di vista percentuale, rinnova maggiormente il secondo visto vacanza-lavoro in Australia – preceduta solo dai cittadini estoni e irlandesi – e gli 88 giorni sono un fenomeno costante tra i giovani italiani: sono il 24,8% gli italiani che rinnovano il visto per altri dodici mesi, rispetto al 14,2% dei coetanei francesi e al solo 7,7% dei giovani tedeschi. Grazie all’elaborazione di circa 63 mila nuovi record, estratti da un database del Dipartimento d'Immigrazione australiano, vengono rivelate le principali zone di raccolta e i nomi delle località australiane dove i giovani lavorano. I dati esposti chiariscono che talvolta l’esperienza nelle lontane campagne australiane non si conclude dopo i necessari 88 giorni ma procede per alcuni mesi ancora, a significare che per qualcuno la campagna diventa una nuova dimensione di vita. La ricerca di un futuro da parte di generazioni di italiani in Australia non è una novità. Il continente ha infatti registrato l’arrivo e l’accoglienza di emigrati italiani a partire dall’Unità d’Italia.

Gli accordi tra Italia e Australia
A seguito dell’accordo bilaterale tra Italia e Australia del 2 gennaio 2004 tutti i ragazzi italiani di età compresa tra i 18 e i 30 anni hanno la possibilità di rimanere temporaneamente in Australia per un periodo massimo di 12 mesi. Il visto dà la possibilità di lavorare per l’intera durata del soggiorno, ma per non più di sei mesi con lo stesso datore di lavoro. Un anno dopo è stato previsto un secondo visto vacanza-lavoro: chi è titolare del primo può prolungare la permanenza nel paese per altri 12 mesi se si intraprendono 88 giorni di lavoro stagionale in zone rurali, in settori specifici quali l’agricoltura (nelle farm, le aziende agricole australiane), le costruzioni e l’estrazione mineraria.

loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti