L’analisi

Flotte aziendali, più concretezza per giustificare la fine dei prezzi aggressivi

di Pier Luigi del Viscovo


default onloading pic
(Adobe Stock)

3' di lettura

Serve un marketing robusto ai noleggiatori a lungo termine per far accettare ai clienti che i canoni aggressivi, visti fino a buona parte dello scorso anno, saranno solo un ricordo. Il marketing dovrà spiegare che il noleggio non è conveniente perché fa risparmiare, ma è qualcosa di più, un insieme di risposte per quegli automobilisti che vogliono essere seguiti e assistiti – e anche, perché no? coccolati. È una strada difficile, oltre che in salita, perché poi il sistema di erogazione del servizio deve riuscire a far spuntare un sorriso al cliente, a fargli raccontare agli amici che sì, ha fatto la scelta giusta, che non ha avuto brutte sorprese ma solo maniglie a cui aggrapparsi nei momenti di necessità.

Ottenere questo non sarà semplice, per i colossi del noleggio che si sono specializzati alla corte delle imprese che chiedono di limare ogni anno il canone, a loro volta ingaggiate nella corsa all’ottimizzazione. Pure i nuovi clienti sembrano sensibili al prezzo in fase di acquisto/decisione, ma nel corso della somministrazione del servizio vogliono di più. Per loro usare l’auto è ogni giorno più complicato e, quando l’auto chiede attenzione e tempo, si aspettano di essere compresi e agevolati. La cultura del noleggiatore dovrà dunque girarsi, verso quelle parole tanto famose quanto poco praticate: customer experience, consumer delight, unexpected excellence, e simili. La strategia è obbligata, essendo venute a mancare le congiunzioni astrali degli anni scorsi, che hanno permesso un’aggressività imbattibile e hanno forse illuso qualcuno che a botte di prezzi si potessero conquistare (e mantenere) i nuovi clienti singoli, come fatto con le flotte. Il quantitative easing della Bce ha fornito la materia prima ai banchieri-noleggiatori, ma anche le coperture assicurative hanno contribuito, soprattutto nelle zone dove per il singolo i premi sono oggettivamente distanti da quella mutualità che starebbe alla base del contratto assicurativo. Ancora di più, sono la fine del super-ammortamento e la minore voracità di volumi dei costruttori (è presto per dire se apparente o duratura) a far lievitare i costi dei noleggiatori, i quali stanno ormai da mesi anche proteggendo gli asset abbassando il valore residuo delle vetture diesel – il cui peso nelle flotte supera il 70% in volume e l’80% in valore.

Si apre così una nuova stagione di mercato per il Nlt, dopo tre anni in cui le risposte positive sono arrivate, eccome. La flotta gestita a fine 2018 aveva superato le 900.000 unità, da meno di 600.000 a fine 2015. Che sia stata una crescita guidata dal prezzo emerge dal confronto dei volumi (più 55% nel triennio) col giro d’affari, aumentato nel medesimo periodo di un terzo. Anche lo scorso anno la flotta media è aumentata del 16%, mentre i ricavi solo del 12. La distanza è data da una contrazione del canone medio, stimata superiore al 3%. Inoltre, nel 2018 il mix (e il costo) delle vetture in flotta si è leggermente elevato, con le utilitarie (segmenti A e B) che hanno ceduto intorno a un punto di quota a favore delle vetture medie (segmenti C e D). Considerando che solo i nuovi contratti entrano in gioco, è probabile che nel 2018 siano stati noleggiati veicoli più costosi a un canone molto aggressivo.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...