AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca e sfrutta l'esperienza e la competenza dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni. Scopri di piùCrisi energetica

Più gas dalla Russia, mentre la Ue va a caccia di fornitori alternativi

In ripresa le esportazioni di Gazprom, anche attraverso il gasdotto Yamal-Europe in cui i flussi dopo 43 giorni tornano a scorrere verso la Germania. La svolta quando Bruxelles, dopo aver bussato alla porta del Qatar, si appresta a trattare con Usa e Azerbaijan

di Sissi Bellomo

Ue, gas e nucleare possono avere etichetta verde

4' di lettura

Prima di tutto il Qatar, gigante del Gnl con ambiziosi piani di sviluppo della produzione. Ma anche le compagnie statunitensi, che grazie allo shale gas sono diventate protagoniste al punto che già da anni sfidano Mosca sullo scacchiere energetico europeo. E a seguire tutti gli altri, compreso l’Azerbaijan, il più recente (e il più marginale) tra i fornitori del Vecchio continente, che ha raggiunto nel 2020 con l’avvio del Tap.

I negoziati per trovare alternative al gas russo – voluti dalla Casa Bianca...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti