auto

Skoda, più hi-tech per la rinnovata Superb e arriva la versione Scout in stile suv

A distanza di quasi quattro anni dal lancio, la Superb, l’ammiraglia di Škoda, si rinnova sia nell’estetica, ma soprattutto nei contenuti tecnici. Se a debuttare sono da un lato i gruppi ottici full Led e la versione Scout, ispirata al mondo dei suv, a completare l’offerta è in arrivo anche la versione ibrida plug-in

di Corrado Canali


default onloading pic

3' di lettura

A distanza di quasi quattro anni dal lancio, la Superb, l’ammiraglia di Škoda, si rinnova sia nell’estetica, ma soprattutto nei contenuti tecnici. Se a debuttare sono da un lato i gruppi ottici full Led e la versione Scout, ispirata al mondo dei suv, a completare l’offerta è in arrivo anche la versione ibrida plug-in.

Skoda Superb Scout

Skoda Superb Scout

Photogallery10 foto

Visualizza

Dal lancio della prima generazione nel 2001 le vendite della Superb hanno superato il milione di unità, per un totale di 1.280.600 immatricolazioni. La versione preferita dal mercato è stata per il 54% la Wagon, ma la berlina si è difesa totalizzando il 46% delle vendita andate per l’82% alla clientela professionale o alla flotte.

Per il primo contatto su strada della nuova Superb, la scelta logica è sembrata l’opzione della versione Wagon che alla guida si dimostra un’ottima compagna di viaggio, perchè molto spaziosa, oltre che ben rifinita e soprattutto insonorizzata come ci si attende da un’ammiraglia. L’ideale, insomma, per affrontare lunghi viaggi con famiglia e bagagli al seguito: del resto lo spazio utile è di una capacità che oscilla fra 660 e 1.950 litri.

Alle interessanti doti stradali della vettura contribuisce in buona parte anche il nuovo 2 litri turbodiesel da 150 cv che presenta migliorie a manovellismo, pistoni, collettore di scarico, turbocompressore, iniezione e sistema di gestione termica. L’unità è, poi, abbinabile al cambio manuale a 6 marce o all’automatico a doppia frizione DSG a sette rapporti che aggiunge 20 Nm di coppia massima extra, per un totale di 360 Nm.

Da segnalare il buon assetto della vettura che attutisce ogni asperità e mantiene l’auto ben incollata alla strada anche si viaggia di fretta. E veniamo agli interni: nonostante sia priva di particolati guizzi stilistici la plancia si dimostra razionale con materiali e assemblaggi molto sono ben curati.

Oltre a non mancare degli ultimi strumenti che oggi vanno per la maggiore come la strumentazione digitale del Virtual cockpit che si può personalizzare con un tasto sul volante. A seconda, poi, degli allestimenti, i sistemi di infotainment offrono un display da 8 e 9,2 pollici, quest’ultimo fornito anche di comandi gestuali e vocali. Ad alzare ulteriormente l’asticella qualitativa della Superb ci sono gli inserti cromati e i cassetti portaoggetti illuminati, oltre ai nuovi rivestimenti dei sedili e le cuciture a contrasto.

Sulla Scout, poi, si aggiungono le modanature che ricordano il legno e, a richiesta, le sellerie con finiture in Alcantara. L’aggiornamento della Superb coincide poi con il nuovo cruise control adattivo, capace di utilizzare congiuntamente le immagini della telecamera presente sul parabrezza e i dati del Gps per riconoscere sia i limiti di velocità che le curve, adeguando autonomamente l’andatura. Il classico Blind spot detect è, poi, stato sostituito dal Side assistant che assiste il conducente nel cambio di corsia, sfruttando sensori radar e monitorando l’area estesa oltre tre volte rispetto a prima, pari a 70 metri contro i 20 precedenti. Il dispositivo include anche la funzione Rear traffic alert che durante la retromarcia monitora gli oggetti in avvicinamento a velocità fino a 70 km/h e in caso di potenziale collisione, arresta in automatico l’auto.

Ma le maggiori ambizioni della Superb si concretizzano nel livello di allestimenti. Con la nuova gamma le versioni “entry level” Active e Ambition sono state sostituite dall’Executive, a dimostrazione che la Superb punta ad una clientela più esigente.

Già dall’allestimento base, poi, offre gruppi ottici anteriori full Led e l’Adaptive cruise control, oltre al navigatore con schermo da 8 pollici e la vernice metallizzata. I prezzi partono dai 34.100 euro della berlina col 1.500 cc TSI a benzina da 150 cv e il cambio manuale a 6 marce. Invece per la 2 litri turbodiesel da 150 cv nella versione familiare servono quasi 37mila che diventano poco meno di 39mila euro se si opta per il Dsg e oltre 41mila euro per la versione Style, che oltre al cambio automatico è poi completa anche del Virtual cockpit.

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...