Turismo

Prodotti “made in Italy” per il gruppo Starhotels

Dopo un breve rodaggio diventa strutturale la decisione di acquistare prodotti e servizi realizzati da imprese nazionali. Ogni anno vengono acquistati materiali per 75 milioni

di Enrico Netti

Imagine Presidental Suite Helvetia & Bristol – design by Anouska Hempel

2' di lettura

È una scelta che premia le filiere nazionali quella di Starhotels: acquistare solo prodotti e servizi made in Italy. Una iniziativa che premia il prodotto di qualità, il bello e non più ciò che è solo più conveniente. Una scelta voluta da Elisabetta Fabri, presidente e ad del Gruppo che lo scorso anno, nel pieno dell’emergenza sanitaria ed economica ha iniziato a percorrere questa via.«È stato durante il primo lockdown nazionale che ho deciso di fare del “made in Italy” non più una scelta ma “la scelta”. È un dovere di tutti noi investire nel sano patriottismo e acquistare prodotti nazionali, oltre a trascorrere le vacanze in Italia, dando così un forte impulso alle imprese italiane che faticosamente stanno cercando di ripartire - spiega Elisabetta Fabri -. È arrivato il momento della concretezza, passando così dalle parole ai fatti… Da parte nostra, Starhotels si impegna ad acquistare esclusivamente prodotti manufatti in Italia, con preferenza per aziende artigiane. Questo è il nostro progetto di sostenibilità, con lo stesso spirito di inarrestabile determinazione del dopoguerra: se tutti gli italiani seguissero questa visione, e se il governo portasse a compimento una vera semplificazione, il successo del Paese non si farebbe attendere».

Imagine Junior Suite View Helvetia & Bristol – tessuto by Antico Setificio Fiorentino

Dopo un primo anno di rodaggio la decisione è diventata pienamente operativa con l’obiettivo di valorizzare ogni singola eccellenza nazionale, investendo su collaborazioni e realtà che «come noi, lavorano ogni giorno con passione irrefrenabile per valorizzare l'autenticità che tanto distingue il nostro meraviglioso Paese» sottolinea l’ad. Ogni anno Starhotels spende circa 75 milioni per l’acquisto di prodotti e servizi da terzi. Il progetto dedicato al “made in Italy” non è l’unica iniziativa del Gruppo a tutela della manifattura e dell’artigianato italiani. Anche per il progetto di ampliamento e ristrutturazione dello storico Helvetia & Bristol nel cuore di Firenze, Starhotels si è avvalsa del contributo prezioso di grandi maestri artigiani locali che hanno arricchito l’hotel di opere uniche, espressione della tradizione e dell’ospitalità fiorentina di alto profilo e dell’anima autentica della città, il sense of place che crea una connessione intima con il territorio.

Loading...

Artigiano Antonio Casciani

Il Gruppo ha anche creato il Premio Starhotels biennale dedicato alla creatività degli artigiani italiani, che si pone l’obiettivo di premiare il saper fare diffuso sul territorio italiano, con una particolare attenzione a opere centrate sulla valorizzazione del grande tema della bellezza italiana e del felice sodalizio tra manualità e creatività, anche con un ripensamento in chiave contemporanea di tecniche desuete e complesse della tradizione. La prima edizione nel 2019 ha ricevuto 131 candidature provenienti da 15 regioni per 14 settori di attività rappresentati. La prossima edizione del Premio verrà presentata a settembre 2021.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti