Industria

«Più protezione per le Pmi del vino»

di G.d.O.

default onloading pic


2' di lettura

In Brasile il vino italiano paga un dazio di circa il 27% sul valore del prodotto contro la tariffa zero dei competitor di area Mercosur Cile e Argentina.

In Cina in assenza di accordi è sopravanzato in termini di quota di mercato sempre dal Cile e dall’Australia che invece vantano accordi commerciali con Pechino.

È quindi evidente che la strada dei negoziati è molto importante per il commercio internazionale per il vino made in Italy. E se ne sta rendendo conto anche una importante organizzazione che in passato non ha risparmiato dure critiche al Ceta e allo Jafta le due intese commerciali che Bruxelles ha stretto rispettivamente con Canada e Giappone.

«Noi non siamo aprioristicamente contrari agli accordi internazionali – ha spiegato a margine della presentazione di Vinitaly il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini –. Le nostre critiche sono legate al livello di protezione garantito ai prodotti di qualità italiani, alle denominazioni d’origine. Un livello troppo basso per quanto riguarda Ceta e Jefta, ma siamo fiduciosi che qualcosa possa cambiare».

Prandini pensa soprattutto a un precedente: l’accordo commerciale col Canada del 2003 che ha garantito protezione a tutti i vini Doc e Docg italiani. «Quel tipo di intesa – ha aggiunto Prandini - non è stata estesa anche agli altri prodotti alimentari Dop e Igp, ma è rimasta limitata al solo vino. Noi invece chiediamo con forza una tutela allargata perché riteniamo che le imprese vadano accompagnate sui mercati indipendentemente dalla loro dimensione».

Il presidente di Coldiretti Prandini non si lascia convincere neanche dalla considerazione che forse gli accordi sottoscritti partano col tutelare le denominazioni che vantano una elevata percentuale di prodotto commercializzato oltre confine.

«Io sono lombardo – aggiunge Prandini – e dalle mie parti si produce un vino, il Lugana che al 70% è commercializzato all’estero ma che spesso non riceve alcuna tutela. Con una tale percentuale di export non meriterebbe miglior trattamento? Abbiamo esposto questi argomenti al Commissario Ue all’Agricoltura Hogan che ha detto di condividere le nostre posizioni. Evidentemente qualcuna delle nostre critiche era fondata».
Calendario
In tutto il mondo
Cina, Stati Uniti ma anche Messico e Thailandia senza tralasciare Russia e naturalmente Europa. È fitto il calendario di appuntamenti previsti da Vinitaly in giro per il mondo: circa 22 appuntamenti.
Al salone dedicato in Cina nel 2020 si giungerà dopo un'esperienza sul campo maturata negli anni e che già ha previsto eventi a Chengdu, Pechino, Canton, Hong Kong.
Negli Usa le bandiere di Vinitaly sono presenti a San Francisco, Los Angeles, Chicago, New York. Ma non mancano appuntamenti anche in Canada, Thailandia, Polonia, Regno Unito, Russia, Messico

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...