RICERCA LINKEDIN

Più soldi e una carriera all’estero: ecco cosa cercano gli italiani

di Gianni Rusconi


default onloading pic
(EPA)

3' di lettura

Circa 10mila lavoratori dell’area Emea, di cui un migliaio in Italia, divisi per fasce di età e di sesso: questo il campione preso in esame da una recente indagine condotta (per conto di LinkedIn) dalla società di ricerca Mortar e finalizzata a raccogliere la percezione legata alle future prospettive di impiego, alle competenze necessarie per avere successo e alle aspettative di stipendio. Il dato di sintesi che riguarda i manager, i professionisti e gli addetti del nostro Paese che hanno partecipato al sondaggio è per certi versi sorprendente e preoccupante al tempo stesso: ben l’86% degli intervistati, infatti, conferma di desiderare una nuova opportunità di carriera rispetto a quella attuale e ad aspirare a un nuovo impiego (lo dice il 90% del cluster in questione) sono in modo particolare i rappresentanti della generazione Millennial, e quindi individui fra i 24 e i 38 anni.

Una sorta di plebiscito al cambiamento dunque, senonché solo il 37% dei lavoratori italiani ritiene di possedere le competenze adatte per «fare il grande salto», mentre il 54% ammette di averne solo qualcuna e di doversi assolutamente preparare in maniera diversa per poter affrontare nuove sfide professionali. Rimanendo sempre al campione nostrano, poco più della metà (il 54%) dei profili oggetto di indagine è dell’idea che il proprio lavoro esisterà ancora tra 20 anni, mentre poco meno di un terzo (il 29%) crede che la propria figura professionale rimarrà solo in parte simile nelle proprie caratteristiche a quella attuale.

Come prevedibile, questo senso di sicurezza è più marcato tra i giovani della generazione Z (dai 18 ai 23 anni) già oggi impegnati in lavori inesistenti fino a qualche anno fa, mentre decresce tra i più adulti (dai 39 ai 53 anni). In linea generale emerge chiaramente come oltre la metà degli addetti (il 58% per la precisione) consideri le mansioni di oggi più complesse e difficili rispetto al passato e come questa percezione aumenti proporzionalmente con l’avanzare dell’età, anche in relazione alle maggiori e diverse competenze (soprattutto per ciò che concerne l’utilizzo di sistemi informatici di base e dei social network) e responsabilità richieste oggi in ambito professionale.

Va da sé, di conseguenza, che l’89% dei professionisti italiani - sebbene ritenga la laurea l’attestato più importante per avere una buona carriera e quindi un buon salario - giudichi necessario acquisire nuove competenze una volta terminato il percorso universitario per inserirsi al meglio nel mondo del lavoro (il 91% conferma in particolare il proprio interesse per eventuali proposte di corsi di aggiornamento).

Capitolo stipendio, infine. A detta del 37% dei professionisti interpellati nella ricerca, il compenso adeguato per condurre uno stile di vita accettabile oscilla tra 30 e i 49mila euro l’anno mentre il 36% del campione ha dichiarato di guadagnare attualmente meno dei propri genitori (percentuale che sale al 44% nel caso delle professioniste in rosa) e il 14% ammette di avere bisogno di un aiuto economico da parte della famiglia. In questo contesto, e secondo gli autori del rapporto si tratta di un altro dato sorprendente, il settore preferito dai lavoratori del Belpaese per arrivare a guadagnare di più non è quello legale, medico o accademico bensì quello della tecnologia, che cattura il 30% delle preferenze, seguito dalla finanza (citata nel 18% delle risposte).

Un professionista su due (circa il 55%), inoltre, pensa che trovare occupazione all’estero sia il miglior modo possibile per ottenere un salario maggiore e fra chi è disposto ad emigrare sono le donne (il 56%, rispetto al 53% degli uomini) a credere maggiormente nelle possibilità di carriera e di impiego offerte al di fuori dei confini nazionali. «La fotografia che emerge da questa analisi - questo il commento di Marcello Albergoni, Head of Italy di LinkedIn - offre uno spaccato importante su cui riflettere, perché il fatto che le nuove generazioni non riescano a essere completamente autonome in termini economici e non siano pienamente soddisfatte in termini lavorativi è un campanello d’allerta da non sottovalutare». Dalle aziende e dalle istituzioni tutte.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...