ferrovie

Più treni e servizi a Rogoredo per decongestionare Milano

di Marco Morino


default onloading pic

3' di lettura

Più collegamenti Frecciarossa, biglietterie Trenitalia aperte con orario prolungato (6-21,30), parcheggio auto rinnovato e accessibile a tutti i viaggiatori e maggiore sicurezza per le persone. La stazione ferroviaria di Milano Rogoredo, la terza stazione di Milano dopo Centrale e Porta Garibaldi, rappresenta la principale porta d’accesso per raggiungere l’area sud-orientale della città metropolitana e delle province meridionali della Lombardia, dove gravitano oltre 140 imprese clienti di Trenitalia.

«Quello di Rogoredo è un intervento a tutto campo. Non solo la stazione ferroviaria, ma anche un’attenta politica di rigenerazione urbana e un’azione mirata a contrastare il degrado che colpisce la zona del bosco con un presidio socio-sanitario operativo da gennaio». Così l’assessore alle Politiche sociali di Regione Lombardia Stefano Bolognini, su delega del presidente regionale Attilio Fontana, commenta l’inaugurazione del nuovo hub ferroviario di Milano Rogoredo avvenuta ieri.

All’appuntamento erano presenti, tra gli altri, il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, il vicesindaco di Milano Anna Scavuzzo, e l’amministratore delegato delle Fs Italiane Gianfranco Battisti.

«Con l’intervento su Milano Rogoredo - spiegno istituzioni e vertici del gruppo Fs - certifichiamo il miglioramento della stazione, che è un punto di accesso importante per i turisti, per i lavoratori, per i milanesi. Se poi pensiamo che qui verrà realizzato il villaggio olimpico per i Giochi invernali di Milano Cortina 2026, possiamo dire di aver intrapreso la direzione giusta e che a Milano governo, Regione e Comune hanno fatto sistema, per provare a gestire al meglio il futuro di tutta la zona di Rogoredo».

Più Frecce

La stazione di Milano Rogoredo è pronta per accogliere l’aumento previsto dei passeggeri durante i tre mesi di stop dell’aeroporto di Linate. L’obiettivo è intercettare parte dei 100mila passeggeri, molti dei quali volavano con Alitalia, che si andranno ad aggiungere agli attuali 60mila in transito a Rogoredo.

L’hub è stato potenziato per favorire e facilitare l’interscambio modale e per decongestionare l’area metropolitana di Milano. Obiettivo garantire un viaggio sempre più door-to-door e sostenibile.

I collegamenti con le Frecce di Trenitalia dalle principali stazioni di Milano (Centrale, Porta Garibaldi, Rogoredo) con Roma (Termini e Tiburtina) sono in totale 104. A Milano Rogoredo, in particolare, le fermate dei Frecciarossa sono aumentate da 36 a 50, 14 in più. Otto Frecce fermano in stazione già dal 9 giugno, altre 6 fanno tappa a Rogoredo dal 28 luglio. Entro fine anno, anticipa Battisti, le fermate dei Freccirossa a Rogoredo saliranno a quota 60.

Più servizi

Aumentano i servizi di assistenza alla clientela. La sala Freccia e la biglietteria di Trenitalia sono aperte dalle 6 alle 21,30, con orario prolungato. In stazione ci sono nuove self service e negli orari di punta sarà operativo un desk mobile con addetti di customer service. Completamente rinnovato il parcheggio Metropark (gruppo Fs Italiane), adiacente alla stazione. L’area è attrezzata con 189 posti auto, è in grado di accogliere nuovi servizi di mobilità sostenibile ed è accessibile a tutti i viaggiatori delle imprese ferroviarie. Migliora anche la security con un nuovo ufficio (200 metri quadri) per la Polizia Ferroviaria.

L’intermodalità

La stazione è interconnessa con le linee S1, S2 e S13 del Passante ferroviario milanese e con la linea M3 della metropolitana. È collocata in una posizione strategica per raggiungere l’area Sud orientale della città metropolitana di Milano, le province meridionali della Lombardia e il centro del capoluogo lombardo. Ma è anche un importante snodo per i collegamenti (veloci e convenzionali) con Bologna e Genova.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...