ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùsu plus 24

Più truffe sul trading online: viaggio tra le promesse degli influencer finanziari

Le truffe finanziarie sul trading online a +30% nel primo semestre 2020. In crescita anche pubblicità e azioni di marketing aggressive per operare a danno dei risparmiatori inesperti

di Andrea Gennai e Marzia Redaelli

default onloading pic
Ansa

Le truffe finanziarie sul trading online a +30% nel primo semestre 2020. In crescita anche pubblicità e azioni di marketing aggressive per operare a danno dei risparmiatori inesperti


2' di lettura

Lockdown e frodi online vanno, purtroppo, a braccetto . Nei primi sei mesi del 2020 sono aumentate del 30% quelle a danno dei risparmiatori attirati nelle trappole di siti finanziari abusivi.

Del resto, la vita casalinga forzata ha aumentato la connessione a internet e moltiplicato le insidie nascoste nelle pieghe del web.Il trading online pubblicizzato come un modo facile per fare velocemente tanti soldi è l'arena in cui attrarre risparmiatori ignari dei rischi a cui si espongono.

Loading...

Ormai basta aprire un qualsiasi social network per essere inondati di annunci di pseudo- guru di borsa che ti spiegano come diventare ricchi in poco tempo, senza fatica, aumentando anche il tempo libero e, soprattutto, senza perdere.

Viceversa, nella migliore delle ipotesi (anche non si trattasse di truffa) il trading online per gli inesperti è una trappola mangiasoldi e anche vorace. Guadagnare è difficile, mentre perdere interi capitali in poche ore è un'esperienza traumatica subìta da tante persone.

Plus 24 oggi in edicola con il quotidiano racconta il fenomeno e come difendersi dalle truffe, dalle pubblicità invasive e dalle false promesse, anche grazie ai consigli delle Autorità di vigilanza e dei protagonisti del settore.

L’INTERVENTO DELLE AUTORITHY
Loading...

Truffe

Da tempo vere e proprie organizzazioni criminali hanno fiutato il business e lo stanno sfruttando per sottrarre soldi a ignari cittadini che in buona fede si lasciano coinvolgere in questa attività. Il termometro di questo fenomeno arriva dalle denunce presentate alla Polizia postale: in tema di trading online sono aumentate del 30% nei primi sei mesi dell’anno arrivando a sfiorare i 20 milioni di euro. Il meccanismo è semplice: organizzazioni straniere contattano pensionati, ma non solo, e li invitano ad aprire un conto promettendo facili guadagni. I soldi vengono dirottati su conti stranieri per lo più nell’Est Europa ma non solo. Si inizia con piccole cifre, nell’ordine dei 100-200 euro, e poi di fronte anche a false vincite pilotate, per creare maggiore fiducia nel risparmiatore, si arriva anche a decine di migliaia di euro versati. A quel punto i conti vengono prosciugati. Le organizzazioni criminali fanno una serie di triangolazioni per far sparire il prima possibile questi soldi. È fondamentale per questo la tempestività delle denunce.

Lusinghe mendaci

C’è una linea sottile tra la consulenza generica, che non ricade sotto l’egida della vigilanza di Consob e dell’Antitrust, e la sollecitazione al pubblico risparmio, che deve essere autorizzata. Lo sanno bene youtuber, influencer e millantati esperti dei parterre finanziari che da un lato avvisano contro i rischi del trading online e dall’altro mostrano con disinvoltura piattaforme per operare, risultati strabilianti con l’uno o l’altro titolo, servizi a pagamento da utilizzare per incrementare i profitti.

Telefonate a tutte le ore

Poi ci sono le telefonate, spesso da paesi stranieri e da interlocutori molto aggressivi, che spingono ad aprire conti esteri per diventare trader di successo senza rischi.Ma è lo stesso mercato finanziario che ce lo insegna: attualmente, il rendimento senza rischio è nullo o addirittura negativo.


Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti