LADIES EDITION

Pizza e Champagne: kermesse in rosa dai Cerea a Brusaporto

Il comfort food italiano per eccellenza e le bolle francesi si incontrano nel regno dell'alta cucina tricolore e stellata

di Fernanda Roggero


default onloading pic

2' di lettura

Pizza e champagne. Un binomio azzardato che ha perso la carica di provocazione e non sovverte i palati, ormai abituati - oltre che ad abbinamenti sempre meno ortodossi - a un concetto di pizza sempre più gourmet.

Il comfort food italiano per eccellenza e le bolle francesi si incontrano ancora una volta nel regno dell'alta cucina tricolore, alla Cantalupa dei fratelli Cerea che con il loro storico ristorante Da Vittorio continuano ad essere premiati dai fratelli d'Oltralpe con tre stelle Michelin.
È un appuntamento diventato ormai fisso per i clienti della famiglia Cerea a Brusaporto, che quest'anno si tinge totalmente di rosa. Sono solo donne infatti ad alternarsi al forno a legna a bordo piscina presso la Cantalupa.

La pizza e' il piatto in assoluto che regala felicita'

Roberta Pezzella, che della panificazione ha fatto una missione (tanto da conquistare Heinz Beck, che l'ha voluta alla Pergola, dove per otto anni ha creato uno dei cestini più ricchi della ristorazione italiana, e Gabriele Bonci); Marzia Buzzanca, già chef-pizzaiola tre Spicchi Gambero Rosso con Percorsi di Gusto a L'Aquila (ma che ora inizia una nuova avventura gastronomica in Trentino Alto Adige); Alessandra e Stefania Noris, del ristorante Il Ciclone a Sirmione; Paola Cappuccio, che le mani in pasta le ha davvero (discende dalla famiglia Leone, proprietaria dello storico Trianon a Napoli), titolare di Pizza Verace a Portici; infine Roberta Esposito, che esercita a La Contrada di Aversa.

Accompagnate da una selezione delle migliori etichette di Champagne, in un gioco di accostamenti intriganti.
“Sin dalla sua nascita, Pizza&Champagne rappresenta per noi l'occasione per far conoscere il lavoro di un maestro pizzaiolo, per apprezzarne la capacità artigianale, per celebrare la versatilità di un piatto capace di esaltarsi in qualunque contesto” spiegano i Cerea. “Le cronache gastronomiche ci restituiscono i nomi di grandi interpreti maschili, ma in questo settore la rappresentanza femminile non è ancora emersa in maniera consistente. Abbiamo quindi voluto quest'anno declinare tutto al rosa il nostro appuntamento, proprio per dimostrare quanto le donne siano sempre grandi protagoniste della gastronomia, anche quando si parla di pizza”.

Prossimi appuntamenti: 12 luglio, maestra pizzaiola Paola Cappuccio - etichetta in abbinamento Cristal Brut Cuvée 2008;
19 luglio, maestra pizzaiola Roberta Esposito - etichetta in abbinamento Dom Pérignon Brut Cuvée 2008.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...