ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùOSSERVATORIO CERVED

Pmi in frenata ma più solide rispetto al passato

di Luca Orlando


default onloading pic
(IMAGOECONOMICA)

4' di lettura

Ricavi avanti adagio, redditività in frenata. L’effetto del rallentamento economico, in Italia così come oltreconfine, è visibile nei conti delle Pmi,

È il quadro di sintesi del Rapporto Cerved PMI 2019, studio che fotografa lo stato di salute economico-finanziaria delle piccole e medie imprese italiane dal punto di vista dei bilanci, della demografia, del credito e del debito commerciale.

L’analisi mette in evidenza per il 2018 un fatturato in aumento in termini nominali (+4,1%, l‘anno prima era 4,4) ma nella sostanza fermo ai livelli del 2017, un valore aggiunto cresciuto (+4,1%) a ritmi più ridotti dei costi del lavoro (+5,6%), con effetti negativi sulla produttività e sui margini, tempi e ritardi nei pagamenti di nuovo peggiorati, dopo una lunga fase di miglioramento.

La ripresa delle Pmi, avviata nel 2013, lo scorso anno ha dunque perso slancio, continuando su questo trend anche nella prima parte del 2019. Eppure, nonostante la congiuntura non più favorevole, le aziende italiane sono finanziariamente sempre più solide.

Secondo il precedente Rapporto, in Italia nel 2017 la ripresa economica si era consolidata, con un'accelerazione dei ricavi e della redditività delle imprese, in un contesto di grande solidità finanziaria.

I dati del nuovo Report di Cerved, giunto alla sesta edizione, indicano invece come nel 2018 e nella prima parte del 2019 la crescita del fatturato e dei profitti si sia fermata, senza però incidere negativamente sui profili di rischio delle aziende, ulteriormente migliorati rispetto all'anno precedente. «Grazie a uno sforzo di capitalizzazione degli imprenditori e al dividendo del quantitative easing, che ha ridotto il peso degli oneri finanziari - conferma l’ad di Cerved Group Andrea Mignanelli - oggi abbiamo un sistema di imprese molto più solido: le oltre 100.000 Pmi che classifichiamo come ‘sicure' o ‘solvibili' potrebbero finanziare investimenti per 133 miliardi di euro senza compromettere il loro profilo di rischio».

Anche nel prossimo triennio, secondo l'analisi, le Pmi italiane continueranno a evidenziare profili solidi, pur crescendo poco in ragione di una congiuntura economica debole, al di sotto di un punto percentuale in termini reali: nel 2019, infatti, i fatturati segneranno una netta frenata e accelereranno leggermente nel successivo biennio, mentre la redditività lorda sarà sostanzialmente ferma per poi crescere a ritmi lenti. Gli indici di redditività subiranno un'ulteriore flessione: nel 2021, al termine del periodo di previsione, il Roe si attesterà al 10,4% (dall'11% del 2018). Ciononostante, il rafforzamento patrimoniale e il calo della rischiosità dovrebbero proseguire, anche se più lentamente rispetto al passato.

Il Rapporto Cerved 2019 in dettaglio
Nel 2018 il fatturato delle Pmi è cresciuto del 4,1% in termini nominali ma è rimasto poco sopra i livelli del 2017 in termini reali (+0,7%), con un rallentamento che ha riguardato tutti i settori tranne le costruzioni, in ripresa dopo anni di forte debolezza. Il valore aggiunto è cresciuto (+4,1%) a ritmi più ridotti dei costi del lavoro (+5,6%), con effetti negativi sulla produttività e sui margini delle Pmi. La ripresa della redditività lorda si è quasi fermata: i margini lordi sono cresciuti dell'1,2% tra 2017 e 2018 (era il 3,2%). Guardando ai livelli pre-crisi, le Pmi hanno livelli di Mol ancora inferiori del 20% a quelli del 2007.
Ancora, per la prima volta dal 2013 gli indici di redditività risultano in calo. Si riduce l'utile corrente ante-oneri finanziari, la redditività operativa, il ROI e – nonostante un ulteriore calo del peso degli oneri finanziari nei bilanci – la redditività netta, che è passata dall'11,7% del 2017 all'11% del 2018.

Il calo dei margini ha riguardato in misura maggiore le medie imprese, le società agricole e quelle che operano nell'industria, che però mantengono indici superiori a quelli osservati nel resto dell'economia.
Anche i dati relativi alla demografia di impresa restituiscono una fotografia in chiaroscuro: il numero di Pmi, dopo il positivo balzo del 2017 (+5,5%), ha continuato a crescere nel 2018 ma a ritmi più lenti (+2,9%), raggiungendo quota 161 mila. Sul fronte delle uscite dal mercato, la fase di netto miglioramento è terminata: nel 2018 è di nuovo aumentato il numero di Pmi che hanno avviato procedure di default o di liquidazione, con una lieve inversione di tendenza quest'anno. Dopo essere tornati su livelli fisiologici, nel 2019 i fallimenti sono di nuovo aumentati, con incrementi più sostenuti nell'industria e nei servizi.

Punti di forza
La congiuntura più debole, tuttavia, non ha intaccato il processo di rafforzamento dei fondamentali finanziari delle Pmi, che prosegue da molti anni. I debiti finanziari sono cresciuti per il secondo anno consecutivo nel 2018, con un'accelerazione rispetto al 2017 (+2,2% contro +1,2%). Parallelamente, le Pmi hanno rafforzato il proprio capitale a ritmi decisamente più sostenuti (+8,5%). Ne è seguita un'ulteriore riduzione del peso dei debiti finanziari in rapporto al capitale netto, sceso nel 2018 al 63% (dal 66% del 2017 e dal 116% del 2007).
Gli score che Cerved assegna ai bilanci delle PmI riflettono questi miglioramenti strutturali: la quota di Pmi con un bilancio ‘solido' ha raggiunto un massimo nel 2017 (56,5%, rispetto al 39,4% nel 2012), mentre quella delle aziende con un bilancio ‘rischioso' è scesa al minimo (12,1%, dal 22,7% nel 2012).
Le informazioni sui pagamenti delle imprese indicano che, dopo una lunga fase di miglioramento, nei primi sei mesi del 2019 sono tornati ad aumentare i ritardi e i tempi di pagamento. Tuttavia, la percentuale di aziende che saldano con ritardi superiori a due mesi rimane bassa e lontana dai massimi osservati durante la recessione.

Il futuro
Secondo le previsioni, i fatturati segneranno una netta frenata nel 2019, per poi accelerare solo leggermente nel successivo biennio. La redditività lorda sarà sostanzialmente ferma nel corso del 2019 per poi crescere a ritmi lenti. Gli indici di redditività subiranno un'ulteriore flessione: nel 2021, al termine del periodo di previsione, il Roe si attesterà al 10,4% (dall'11% del 2018). Nonostante questo scenario, la resilienza del nostro sistema di Pmi caratterizzerà anche i prossimi anni: il rafforzamento patrimoniale e il calo della rischiosità dovrebbero proseguire, anche se a ritmi più lenti rispetto al passato.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Luca Orlandoinviato-caporedattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: Inglese

    Argomenti: Imprese, meccanica, innovazione, export, macchinari, Industria 4.0, robot

  • Luca Orlandoinviato-capo redattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: inglese

    Argomenti: imprese, meccanica, innovazione, export, macchinari e robot, Industria 4.0

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...