INTERNAZIONALIZZAZIONE

Pmi, dal Mise 26 milioni per i voucher degli export manager

di Laura Cavestri


default onloading pic
(REUTERS)

2' di lettura

Debutta la fase applicativa della 2° edizione del voucher per l’internazionalizzazione delle Pmi. Il ministero per lo Sviluppo economico ha ufficializzato ieri lo stanziamento di 26 milioni di euro – nel quadro del “Piano di Promozione straordinaria per il Made in Italy” il ministero per lo Sviluppo Economico stanzia 26 milioni di euro (comprensivo di uno stanziamento ad hoc di risorse del Pon Imprese&Competitività 2014-2020) a sostegno delle Pmi che intendono avvalersi di temporary export manager per perseguire al meglio la loro strategia di internazionalizzazione.
In particolare, attraverso il voucher, le imprese potranno usufruire di contributi a fondo perduto di diversa entità, a seconda delle loro esigenze.

Cosa cambia rispetto alla prima edizione
Rispetto alla precedente edizione – che ha visto la concessione di 1790 voucher ad altrettante Pmi – il decreto ministeriale del 17 luglio (si veda l’anticipazione sul Sole 24Ore del 29 luglio) estende la sua operatività anche a quelle costituite sotto forme di società di persone e, oltre a confermare il precedente voucher di 10mila euro per ogni Pmi (8mila per quelle già beneficiarie sul precedente bando), prevede la concessione di un voucher di importo pari a 15mila (innalzabile fino a 30mila al raggiungimento di specifici obiettivi sui volumi di export) per supportare le aziende che intendano avvalersi di un temporary export manager per almeno 1 anno. Il provveimento prevede, inoltre – in sostituzione dell’elenco del 1 settembre 2015 – una nuova selezione delle società accreditate a fornire i servizi di export management e di consulenza alle imprese.

«La valutazione d’efficacia del primo bando, lanciato nel 2015 – ha sottolineato il sottosegretario allo Sviluppo economico, Ivan Scalfarotto – ha permesso di tarare meglio la misura sulle esigenze delle imprese. Perciò abbiamo dedicato più fondi all’interno del “Piano Straordinario per il Made in Italy” e siamo anche riusciti ad attrarre risorse dalla programmazione comunitaria in favore delle Pmi al sud»

Presentazione delle domande
I soggetti interessati ad essere accreditati nell’elenco società di temporary export manager devono presentare domanda, secondo le modalità previste dal decreto del 18 settembre 2017, a partire dalle 10 del 16 ottobre e fino alle 16 del 31 ottobre.
Le Pmi che intendono richiedere l’accesso ai voucher potranno iniziare la compilazione online della domanda a partire dal 21 novembre 2017. L’apertura dello sportello è prevista dalle 10 del 28 novembre.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti