ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEntro il 29 settembre

Pnrr, Bruxelles si prende un mese in più per la risposta sulla seconda tranche

Valutazione preliminare sul pagamento di 21 miliardi di euro

Pnrr, Draghi: attuare riforme in tempi previsti come fatto finora

2' di lettura

Ci sarà un mese in più di tempo - quindi tre mesi in totale e non due - per l’esame preliminare a Bruxelles della richiesta dell’Italia di pagamento della seconda tranche da 21 miliardi del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Il termine è atteso ora il 29 settembre, quattro giorni dunque dopo le elezioni. È la stessa Commissione europea a confermare che c’è stata una proroga di un mese, rispetto ai due mesi che ha solitamente per l’esame delle domande di pagamento del Pnrr, decisa «a seguito di una valutazione congiunta», spiega un portavoce, e convenuta «per consentire un tempo sufficiente per gli scambi durante il periodo estivo e facilitare il lavoro da entrambe le parti». Una proroga di un mese, viste le difficoltà operative legate all’interruzione agostana, secondo quanto si apprende, sarebbe stata concordata anche per il Recovery di Cipro.

Seconda richiesta avanzata a fine giugno

La seconda richiesta di pagamento nell’ambito del Recovery per 21 miliardi (al netto dei prefinanziamenti) era stata fatta dall’Italia il 29 giugno dopo aver rispettato 45 “tappe e obiettivi”: “target” e “milestone” relativi a riforme «all’interno della pubblica amministrazione, degli appalti pubblici, dell’amministrazione fiscale, dell’istruzione e dell’assistenza sanitaria territoriale, nonché gli investimenti in banda ultra larga e 5G, turismo e cultura, idrogeno, rigenerazione urbana e digitalizzazione delle scuole», ricorda la Commissione.

Loading...

Le prossime tappe

Una volta completata la valutazione, la Commissione invierà il parere, come di prassi, al Comitato economico e finanziario (Cef), che si esprimerà entro quattro settimane. La parola tornerà quindi alla Commissione, che adotterà la decisione finale sull’erogazione (con la cosiddetta comitatologia, una serie di procedure previste per tener conto del parere del comitato).

Il primo pagamento per 21 miliardi ad aprile 2022

Ad agosto 2021 la Commissione europea aveva versato 24,9 miliardi all’Italia (8,957 a fondo perduto), come anticipo del 13% sui 191,5 miliardi dell’ammontare totale del Recovery previsto fino al 2026 (68,9 miliardi di sovvenzioni previste). Il primo pagamento vero e proprio per 21 miliardi è arrivato invece ad aprile di quest’anno. Giusto questa settimana Palazzo Chigi ha chiesto a uffici e dipartimenti dei ministeri di far il più presto presto possibile per colmare i ritardi relativi all’adozione dei decreti attuativi, necessari per rendere operativi i provvedimenti varati dall’esecutivo, e raggiungere nei prossimi due mesi quanti più obiettivi possibili del Pnrr.

Il tema delle modifiche al Pnrr

Quanto al dibattito politico su possibili variazioni del Recovery, il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, ha già chiarito le “regole di ingaggio”: «I piani nazionali vanno attuati, e bisogna farlo adesso, accelerando. Non vanno ripensati», ha chiarito. «Se c’è qualcosa di mirato e limitato da correggere le porte a Bruxelles sono aperte, ma non lo sono per ricominciare da capo».

Osservatorio PNRR

Notizie e analisi

Il monitoraggio del Sole 24 Ore sullo stato di avanzamento del Piano nazionale di ripresa e resilienza attraverso notizie, analisi, documenti e video, un puntuale lavoro di monitoraggio dello stato di avanzamento. Vai all'Osservatorio

Numeri e infografiche

Una serie di infografiche navigabili per conoscere nel dettaglio tutte le facce del PNRR: le missioni, i costi, gli obbiettivi da centrare semestre per semestre. Vai alla sezione numeri e infografiche

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti