L’intesa

Pnrr, Cnr e Anci sottoscrivono un accordo per raccogliere le sfide del futuro

Si punterà, tra l’altro, su transizione energetica, inclusione, infrastrutture sociali, innovazione e tecnologie applicate ai settori strategici, come sanità e digitalizzazione

di Redazione Scuola

2' di lettura

Dalla transizione energetica ai temi ambientali più urgenti come l'adattamento climatico, le bonifiche, il dissesto idrogeologico e la gestione delle acque, dall'inclusione alle infrastrutture sociali, dall'innovazione alle tecnologie applicate ai settori strategici, come la sanità e la digitalizzazione: sono questi alcuni dei campi su cui si svilupperà la collaborazione tra il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e l'Associazione nazionale comuni italiani (Anci) sancita da un accordo firmato dai rispettivi presidenti, Maria Chiara Carrozza e Antonio Decaro.

L’intesa

L'intesa, informa una nota, è finalizzata «a rafforzare le attività che Anci porta avanti verso e con i territori e a consolidare la cultura della ricerca, sulla base della competenza scientifica e tecnica a livello internazionale del Cnr». Molte delle misure e degli obiettivi che impegnano i Comuni sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) richiedono, affinché l'attuazione sia efficace, profili di expertise estremamente verticali, metodi di approccio nuovi e organizzazione/partenariati che coinvolgano Distretti tecnologici, produttivi, industriali, università e aggregazioni di imprese di qualità. La collaborazione vede un insieme molto ampio di ambiti potenziali di approfondimento, tutti di primo piano nell'agenda nazionale ed europea.

Loading...

Prime azioni da sviluppare

Nei prossimi mesi, tramite atti specifici e un Comitato tecnico scientifico con gruppo di lavoro dedicato, si perimetrerà un primo set di azioni comuni da sviluppare. «Inserire i numerosi risultati della ricerca nelle progettualità proposte dalle Amministrazioni Comunali può contribuire a cambiare volto al Paese - afferma la presidente del Cnr, Maria Chiara Carrozza - con realizzazioni capaci di accelerare la transizione ecologica e digitale e di offrire un miglioramento della qualità della vita. Una spinta all'innovazione nei nostri territori, a una maggiore attrattività turistica e di investimenti e a una crescita nella capacità di competere in ambito internazionale».
«L'irripetibile occasione offerta all'Italia con il Pnrr - osserva il presidente dell'Anci Antonio Decaro - non richiede da parte degli Enti locali solo una adeguata capacità finanziaria e amministrativa, ma anche un elevato tasso di qualità dei progetti, in particolare di quelli che nelle nostre intenzioni devono far fare all'Italia un salto di qualità nei settori strategici delle infrastrutture digitali, della tutela del territorio, dell'ammodernamento dei servizi sanitari. Per questo è decisiva la piena collaborazione con il meglio che il Paese può offrire in termini di competenza e di esperienza scientifica, tecnica e tecnologica», conclude Decaro.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati