ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa bozza del provvedimento

Pnrr, un nuovo decreto legge per semplificare gare e assunzioni

Misure urgenti per sburocratizzare le procedure e centrare gli obiettivi del primo semestre 2023

Pnrr, Salvini: “Alcune opere non saranno raggiungibili entro il 2026”

3' di lettura

Dal rafforzamento della capacità amministrativa degli enti locali, alla semplificazione dell'affidamento dei contratti pubblici previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, dalle misure per accelerare le verifiche di impatto ambientale a quelle per spianare la strada all'installazione degli impianti che utilizzano le fonti di energia rinnovabili. Sono le linee guida tracciate dalla bozza del nuovo decreto legge con cui il Governo punta snellire le procedure per gli affidamenti, potenziare gli uffici di staff dei ministeri.

Meno vincoli sulle assunzioni nei comuni

Da qui a fine 2026 la spesa relativa al segretario comunale e provinciale, in ragione dell'autorizzazione rilasciata dal ministero dell'Interno per l'iscrizione all'Albo dei vincitori del relativo corso concorso di accesso in carriera, corrispondente all'importo dello stipendio tabellare, della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato previsti dal vigente Ccnl per il segretario di fascia C, non si calcolerà ai fini del tetto di spesa per il personale previsto dalla legge Finanziaria 2007 per gli enti sottoposti a patto di stabilità interno. La bozza del nuovo Dl Pnrr, inoltre, amplia fino a un massimo di due anni il periodo in cui un segretario iscritto nella fascia iniziale di accesso in carriera, su richiesta del sindaco, previa autorizzazione del ministero dell’Interno, possa assumere la titolarità anche in sedi, singole o convenzionate, corrispondenti alla fascia professionale immediatamente superiore aventi fino ad un massimo di 5.000 abitanti - nonché fino ad un massimo di 10.000 abitanti nelle sedi singole situate nelle isole minori -, in caso di vacanza della sede e qualora la procedura di pubblicizzazione sia andata deserta.

Loading...

Contro le opere Pnrr decide solo il Tar Lazio

In caso di impugnazione degli atti relativi alle procedure di affidamento dei contratti pubblici relativi al Pnrr e le relative attività di espropriazione, occupazione e asservimento, nonché qualsiasi altro procedimento amministrativo connesso alla realizzazione delle opere relative, «sussiste la competenza inderogabile del Tribunale amministrativo regionale del Lazio, sede di Roma». La norma stabilisce che agli atti relativi al Pnrr si applicano le disposizioni processuali per le controversie relative a infrastrutture strategiche. Inoltre, si prova a tagliare i tempi delle controversie con una serie di riduzione dei termini per la definizione dei giudizi relativi alle liti amministrative riferite al Pnrr: tutti i termini processuali ordinari, compresi, nei giudizi di primo grado, quelli per la notificazione del ricorso introduttivo, del ricorso incidentale e dei motivi aggiunti, sono ridotti della metà. Il termine per la pubblicazione del dispositivo, inoltre, è ridotto a tre giorni e il termine per la proposizione dei motivi di appello, in caso di richiesta al Consiglio di Stato di sospensione dell'esecutività del dispositivo, sono ridotti, in caso di omessa notificazione della sentenza di primo grado, a quarantacinque giorni dalla data di pubblicazione della sentenza.

Nuovi criteri per l'Agrivoltaico

Il nuovo decreto punta anche a semplificazione la messa in opera di impianti fotovoltaici in aree agricole, «posti al di fuori di aree protette o appartenenti a Rete Natura 2000». In particolare questi impianti nei limiti consentiti dalle eventuali prescrizioni nel caso di aree soggette a vincoli paesaggistici diretti o indiretti, sono considerati manufatti strumentali all'attività agricola e quindi installabili liberamente, se i pannelli solari sono posti sopra le piantagioni ad almeno 2 metri dal suolo, senza fondazioni in cemento o difficilmente amovibili, e se le modalità realizzative prevedono una loro effettiva integrazione con le attività agricole come supporto per le piante o per sistemi di irrigazione parcellizzata e di protezione o ombreggiatura delle coltivazioni sottostanti.

Osservatorio PNRR

Notizie e analisi

Il monitoraggio del Sole 24 Ore sullo stato di avanzamento del Piano nazionale di ripresa e resilienza attraverso notizie, analisi, documenti e video, un puntuale lavoro di monitoraggio dello stato di avanzamento. Vai all'Osservatorio

Numeri e infografiche

Una serie di infografiche navigabili per conoscere nel dettaglio tutte le facce del PNRR: le missioni, i costi, gli obbiettivi da centrare semestre per semestre. Vai alla sezione numeri e infografiche

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti