ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCaccia ai «cervelli»

Pnrr, Ricerca: 600 milioni per attrarre 1.700 vincitori di bandi europei

Pubblicato il decreto per le chiamate dirette di ricercatori di eccellenza in italia. La ministra Messa: «È un’occasione straordinaria»

di Redazione Scuola

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

Seicento milioni di euro per attrarre in Italia 1.700 ricercatori vincitori di bandi europei. Il decreto 894 del ministro dell'Università e della Ricerca ha definito il quadro di riferimento specifico per l'attuazione dell'investimento previsto dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) finalizzato a sostenere l'ingresso o il rientro nel nostro Paese di giovani ricercatori. «È un'occasione straordinaria, per i ricercatori e per il sistema italiano» dice il ministro. «Stiamo investendo sul nostro futuro e abbiamo deciso di farlo puntando sui giovani che hanno delle proposte progettuali già valutate positivamente a livello europeo che si vogliano svolgere o continuare in università o enti di ricerca italiani. Siamo in grado oggi di dare a questi giovani l'autonomia sufficiente a poter lavorare in ricerca nel modo migliore, con fondi e con l'ambiente giusto».

Il decreto

In particolare, il decreto è destinato alle chiamate e alle assunzioni nelle università italiane, negli istituti di istruzione universitaria a ordinamento speciale e negli enti pubblici di ricerca di vincitori di Starting Grants dello European research council (Erc) e di borse Marie Skłodowska-Curie Individual Fellowships e MarieSkłodowska-Curie Postdoctoral Fellowships (Msca), a seguito dei bandi emanati nell'ambito dei Programmi Quadro Horizon 2020 e Horizon Europe, nonché di ricercatori che abbiano ottenuto un Sigillo di eccellenza (Seal of Excellence) a seguito della partecipazione a bandi relativi alle Azioni Msca, nei periodi che saranno specificati negli avvisi.

Loading...

Il finanziamento

Dei 600 milioni di euro, 135 milioni sono destinati a finanziare, con un contributo di 150.000 euro per ciascuna proposta ammessa, progetti di ricerca di 900 ricercatori che abbiano ottenuto un “Seal ofExcellence”, 300 milioni di euro sono per progetti di ricerca di 300 ricercatori, vincitori di Starting Grants dello European research council, per i quali è previsto un contributo massimo pari a 1 milione di euro, 150 milioni sono invece destinati a finanziare, con un contributo massimo di 300.000 euro, progetti di ricerca di 500 ricercatori vincitori di borse Msca. Saranno i successivi avvisi del ministero, destinati a università ed enti di ricerca che vorranno accogliere i ricercatori per portare avanti i progetti ammessi, a definire le modalità di attivazione delle chiamate dirette.

Possibilità di azione

Nel decreto, però, si delineano le possibilità di azione per i diversi casi. I ricercatori titolari di uno Starting Grant dello Erc in qualità di Principal Investigator che stanno svolgendola propria attività presso un'istituzione estera potranno aderire all'offerta di posizioni disponibili delle istituzioni italiane con il conseguente trasferimento del progetto finanziato consentito dall'istituto della portabilità in ambito Erc. A questi ricercatori potranno essere destinate le posizioni di professore di seconda fascia – nel caso di trasferimento presso un'istituzione universitaria – o di I Ricercatore (secondo livello professionale), nel caso di trasferimento in un ente di ricerca. Ai vincitori di bandi Marie Skłodowska-Curie Individual Fellowships e Marie Skłodowska-Curie Postdoctoral Fellowships e ai ricercatori che hanno ottenuto un Sigillo di eccellenza potranno essere destinate posizioni di ricercatore a tempo determinato di tipo a (RTD-a) se chiamati nelle istituzioni universitarie o di ricercatore di terzo livello professionale con contratto a tempo determinato di durata triennale se chiamati in enti pubblici di ricerca.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati