ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata di studi

Pnrr, Sangiuliano: useremo risorse per sicurezza patrimonio culturale

Sicurezza del patrimonio culturale, ricostruzione post-terremoto, progettazione e realizzazione dei depositi di salvaguardia dell'arte in caso di calamità naturali, restauri, tecniche di costruzione innovative per la prevenzione del rischio, riduzione consumo di suolo. Sono i temi al centro della prima giornata di studi dedicata alla sicurezza e conservazione dei beni culturali

Messa in sicurezza la Basilica di Norcia

2' di lettura

La sicurezza che passa dalla prevenzione, coniugata con la tutela e la conservazione, ma anche la rigenerazione del tessuto urbano e la non più rinviabile riduzione del consumo di suolo: sono i temi al centro della Prima Giornata di Studi sulla Sicurezza del Patrimonio Culturale, in programma oggi all’Auditorium della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma.

Nei musei manca programmazione per la sicurezza

La giornata è stata aperta dal ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, che ha ribadito non solo quanto il tema della sicurezza del patrimonio culturale corrisponda «a uno degli interessi strategici dell’intera nazione», ma anche l’importanza di «fare prevenzione, perché non bisogna solo intervenire quando oramai il danno è fatto, ma anche avere una programmazione seria ed efficace». «La prevenzione permette un notevole risparmio economico perché intervenire a posteriori, soprattutto dopo terremoti e alluvioni è onerosissimo, e per quanto riguarda i musei italiani mi colpisce che gran parte di essi non abbia ben chiara una programmazione degli interventi che vanno fatti nell’arco di un decennio», ha proseguito il ministro.

Loading...

Risorse Pnrr per sicurezza patrimonio

«Il dato positivo è che nel Pnrr ci sono linee importanti di finanziamento sul tema della messa in sicurezza: è mia ferma intenzione spendere in maniera efficiente, onesta e oculata le risorse che vengono fornite dall’Europa». Nell’intervento del ministro anche i temi della valutazione quanto mai fondamentale in Italia del rischio sismico e idrogeologico, così come il problema della riduzione del consumo di suolo nonché del vandalismo e dell’incuria con cui i beni del patrimonio spesso si trovano a fare i conti, questioni poi sollevate e approfondite nel corso del convegno, al quale hanno partecipato esperti di varie discipline e rappresentanti di istituzioni, da Massimo Osanna (direttore generale Direzione Musei) a Marica Mercalli (direttrice generale Sicurezza Patrimonio Culturale) ad Alessandra Marino (direttrice Istituto centrale per il Restauro).

I depositi di sicurezza delle opere d’arte

Tra i focus più importanti della giornata quello relativo alla conservazione dei beni mobili nella fase post emergenziale e alla realizzazione di piccole strutture museali temporanee connesse ai depositi di sicurezza che si stanno progettando in tutto il territorio nazionale (seguendo la linea di intervento Pnrr-Recovery Art), riportando l’esperienza positiva del deposito di Santo Chiodo a Spoleto nel quale sono conservate le opere provenienti dai luoghi del terremoto del 2016.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti