ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBev

Polestar 2 Bst edition 270: la prova su strada dell'elettrica sportiva da 476 cv

Nasce in seno a Volvo ed ha identità propria. Il marchio elettrico Polestar, appartenente al gruppo Geely, è pronto a sbarcare anche in Italia con la berlina Polestar 2, disponibile anche nella versione limitata Polestar 2 Bst edition 270 che abbiamo avuto modo di provare su strada.

di Giulia Paganoni

4' di lettura

Tre elementi caratterizzanti del marchio  

Polestar 2 è un modello lanciato già nel 2020 ma arriva in Italia solo adesso dato che il marchio sbarca ora nel Bel Paese. È una berlina che strizza l’occhio a Tesla ma che, a differenza del marchio californiano, vanta un’esperienza del gruppo Geely (a cui appartiene anche Volvo) che è notevole grazie a decenni di messe a punto. 

Il marchio si basa su tre capisaldi che caratterizzano i modelli del marchio, quali: design, nato dalla sapiente mano di Alexandre Missoni e molto curato, che mostra linee essenziali e pulite. Lo stesso stile minimalista che ricorda un po' Apple e che si ritroverà negli store che verranno aperti a Milano e Roma. 

Loading...

Punto fondamentale della strategia Polestar è la sostenibilità. Questa si definisce nella scelta dei materiali, vegani e tracciabili, nella motorizzazione 100% elettrica e, addirittura, nell’obiettivo di produrre entro il 2030 automobili a impatto zero dalla produzione allo smaltimento. Un obiettivo davvero ambizioso quest’ultimo e che, a una nostra domanda su come verrà raggiunto, ancora non è chiara la strada. Un po' troppo ambizioso forse dato che il 2030 è ormai domani. 

Infine, le performance. Le auto a marchio Polestar nascono come veicoli piacevoli e performanti, per chi ama divertirsi al volante. E per enfatizzare questo aspetto, Polestar si è avvalsa di esperti nel settore, come Brembo che si occupata dell’impianto frenante, Öhlins delle sospensioni con ben 22 regolazioni e Pirelli che ha creato degli pneumatici PZero ad hoc per questa vettura. 

Alto anche il livello tecnologico, grazie alla collaborazione con Google, le mappe sono integrate e non solo, mostrano anche dettagli utili per i veicoli elettrici, come il livello di carica residua all’arrivo. Purtroppo però, per i più nerd, non è disponibile la connessione wireless di Apple Car Play ma solo con cavetto. Sia i passeggeri anteriori che quelli posteriori possono contare su due prese usb-c. Mentre nel bagagliaio è presente una presa da 12V.

Com’è nuova Polestar 2 Bst edition 270  

Polestar 2 si basa sul pianale Cma (Compact Modular Architecture) di Volvo, che ha fatto il suo debutto nel 2017 con la Volvo XC40 e, grazie al suo design modulare, è stata la base dei modelli 01, 02, 03 e 05 di Lynk & Co, il Polestar2 2020 elettrico puro e il primo modello completamente elettrico di Volvo, la XC40 Recharge P8.

Su Polestar2 Bst edition 270 Sono due i pacchi batteria posizionati uno sopra all’altro nella parte bassa del pianale al fine di non portare via spazio e mantenere il baricentro il più basso possibile. Queste hanno forma di H, quella alla base, e di T. 

Le dimensioni sono generose: lunga 4,60 m, larga 1,99 m, alta 1,45 m con un passo di 2,74 m. Il bagagliaio ha una capacità di 405 litri che raggiunge i 1095 litri. Mentre è presente anche un vano di carico nel vano motore da 41 litri. Il peso a vuoto è di circa 2 tonnellate. 

Polestar 2 Bst edition 270, tutte le foto della berlina elettrica sportiva

Polestar 2 Bst edition 270, tutte le foto della berlina elettrica sportiva

Photogallery10 foto

Visualizza

Design essenziali e minimalista  

La berlina elettrica presenta uno stile elegante ed essenziale. Questo è enfatizzato dall’anteriore con un’ampia griglia, fari sottili e un lungo cofano motore che trasmette imponenza. La linea di cintura è piuttosto alta e la presenza su strada è enfatizzata dai cerchi da 21 pollici. A dominare il posteriore, la linea luminosa orizzontale. La soglia di carico è piuttosto alta ma abbiamo apprezzato le soluzioni proposte nel vano bagagli (da 405 litri) per non far andare in giro quanto caricato. 

A caratterizzare la versione Bst edition 270 è una linea nera che attraversa tutta la lunghezza della vettura, dall’anteriore fino al posteriore. 

Gli interni sono bene curati e con materiali sostenibili. Caratteristica particolare dell’abitacolo è che nella parte anteriore del cielo è presente il logo del brand, a indicare la stella polare. Un chiaro riferimento che il marchio vuole essere un punto di riferimento e da seguire nell’ambito dell’agguerrito settore delle auto elettriche. 

Potenza e autonomia: fino a 462 km in elettrico  

La Polestar2 Bst edition 270 è dotata di due motori elettrici alimentati da una batteria agli ioni di litio da 78 kWh. La potenza di sistema è di 350 kW (476 cv) e la coppia massima raggiunge i 680 Nm di coppia. 

Le performance sono notevoli, come ci si aspetta da un’auto elettrica: lo 0-100 km/h viene coperto in 4.4 secondi e la velocità massima è di 250 km/h. L’autonomia dichiarata raggiunge i 462 km secondo il ciclo di omologazione Wltp. 

La batteria può essere ricarica con corrente alternata (AC) fino a 11 kW e con corrente continua fino a 155 kW. In quest’ultima modalità, la più rapida, l’auto impiega 35 minuti per passare dal 10 all’80% di carica. 

Caratteristiche e personalizzazioni  

 

Il conducente può contare su due ampi schermi: il cruscotto digitale da 12,3 pollici e un touch al centro della plancia da 11,15 pollici da cui è possibile accedere a tutte le funzioni di bordo. La grafica è chiara e intuitiva peccato che non abbia un feedback tattile che risulterebbe molto più sicuro dato che anche il clima si regola da qui. 

Le mappe sono quelle di Google, dato che il colosso tech è partner nella costruzione del sistema e sono anche disponibili l’assistente Google e Google Play store. 

Un componente che è molto interessante e caratterizza questa vettura sono le sospensioni realizzate in collaborazione con la nota casa Öhlins. Queste hanno 22 regolazioni manuali e cambiano il veicolo totalmente assomigliando ad un’auto da competizione. Abbiamo provato diverse regolazioni, per sentire più comfort e quindi un po' più di rollio e beccheggio fino a renderla rigida e super direzionale. La Polestar2 Bst 270 è disponibile in due colori di carrozzeria (Thunder e Snow) insieme a un interno in Weaver Tech antracite. Della versione speciale Bst edition 270 sono disponibili solo 270 unità che verranno suddivisi tra il mercato Europeo e del nord America.  

Il prezzo di listino della Bst edition 270 non è ancora stato reso noto. 

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti