la polemica

Poletti: per trovare lavoro meglio giocare a calcetto che inviare curricula. M5s all’attacco

(ANSA)

2' di lettura

Nella ricerca di un lavoro «il rapporto di fiducia è un tema sempre più essenziale», si creano più opportunità «a giocare a calcetto che a mandare in giro i curricula». È uno dei messaggi lanciati dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, agli studenti dell'istituto tecnico professionale Manfredi-Tanari di Bologna. Al centro dell’incontro il tema dell'alternanza-scuola lavoro. Secondo Poletti, la dinamica delle relazioni è importante per il futuro lavorativo e «i rapporti che si instaurano nel percorso di alternanza scuola lavoro fanno crescere il tasso di fiducia e quindi le opportunità lavorative»

I precedenti
Dalla gaffe sui cervelli in fuga per cui il Paese non soffrirà a non averli «più fra i piedi», alla «laurea da 110 e lode inutile a 28 anni», il ministro del Lavoro non è nuovo a uscite di questo genere. Dopo l’affermazione sui cervelli in fuga il Movimento cinque stelle presentò lo scorso dicembre scorso una mozione di sfiducia contro il ministro, che in quell’occasione si scusò con un video: «Non ho mai pensato che sia un bene per l'Italia il fatto che ci siano giovani che se ne vanno, volevo solo sottolineare che qui ci sono dei giovani bravi, che ci sono giovani competenti, impegnati e che a questi giovani bisogna dare questo riconoscimento». E ancora: «Questo è il mio pensiero e mi spiace di non averlo presentato nella maniera giusta».

Loading...

M5s: Poletti su giovani? È da cartellino rosso
Anche in questa occasione il M5s è partito all’attacco. «Dal ministro Poletti arriva l’ennesimo intervento a gamba tesa e, è il caso di dirlo, un calcio in faccia ai molti giovani disoccupati. Ormai non ci sono più commenti sulla sua scarsa sensibilità. È da cartellino rosso» hanno dichiarato i deputati M5S della Commissione Lavoro, aggiungendo: «Invece di dire stupidaggini, Poletti avrebbe dovuto operare per creare occupazione e non precarietà.

Poletti: mai sminuito il valore del curriculum e della sua utilità
A stretto giro la replica di Poletti, che ha precisato: «Vedo che si stanno strumentalizzando alcune frasi che ho pronunciato in occasione di un incontro con gli studenti di una scuola di Bologna per parlare di alternanza scuola-lavoro e che gli studenti hanno compreso e condiviso nel loro significato. Per questo voglio chiarire che non ho mai sminuito il valore del curriculum e della sua utilità. Ho sottolineato l'importanza di un rapporto di fiducia che può nascere e svilupparsi anche al di fuori del contesto scolastico. E quindi dell’utilità delle esperienze che si fanno anche fuori dalla scuola».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti