Conserve

Pomodoro da industria, dopo l’anno record ritorno alla normalità

I big del settore Princes e Conserve Italia sono ottimisti ma dovranno fare i conti coi rincari delle materie prime per l’inscatolamento

di Silvia Marzialetti

La campagna di raccolta del pomodoro è alle porte e si prevede un incremento produttivo tra il 10 e il 15%

3' di lettura

Protagonista indiscusso della tavola in fase pandemica, tanto da aver azzerato le scorte di magazzino, il pomodoro da industria attraversa una fase di graduale ritorno alla normalità, che fisiologicamente si traduce in dati di vendita negativi, ma sostanzialmente allineati con il mercato pre-Covid.

Gli ultimi dati Iri rivelano che nei primi quattro mesi dell’anno le vendite dei derivati nella grande distribuzione sono diminuite del 9,2%, passando da 199,3 a 181 milioni di euro, ma il gap diventa più evidente se si fa un passo indietro con il confronto marzo 2021 su marzo 2020, in calo del 23,4% (qui il passaggio è stato da 71,2 a 54,5 milioni di euro).

Loading...

Costi in aumento per l’acciaio

Ora che l’avvio della raccolta è alle porte, si prospetta una campagna di trasformazione molto complessa: a fronte di un incremento produttivo stimato tra il 10 e il 15%, gli operatori dovranno fare i conti con le difficoltà di approvvigionamento della banda stagnata e con il conseguente rincaro del costo delle scatole che, sommato agli ulteriori rincari degli altri imballaggi e dell’energia, andrà a gravare sul costo del prodotto finito.

Per quanto riguarda l’acciaio, in particolare, i produttori sono alle prese con rincari del 70%, ma il direttore Anicav ( conserve alimentari), Giovanni De Angelis, rassicura: «Le aziende sono dotate di materiale a sufficienza per la stagione, eventuali difficoltà di approvvigionamento riguarderebbero soltanto la sovrapproduzione».

Le previsioni per la campagna

Oltre che sulla programmazione a lungo termine, in Princes Industrie Alimentari – che gestisce a Foggia il più grande stabilimento di lavorazione del pomodoro per il private label in Italia e sul mercato estero – si punta su un mix di soluzioni per il confezionamento, che rispondono a una precisa politica di sostenibilità: vetro, tetra pak e cartoncini ad incastro che non prevedono uso di colle o materiali chimici.

Sul fronte prodotto «le previsioni per il 2021 sono moderatamente positive», racconta l’ad Gianmarco Laviola. «Dal punto di vista della produzione ci aspettiamo un aumento degli ettari di terreno per la coltura e maggiore disponibilità di acqua per l’irrigazione, grazie alle piogge di quest’anno», spiega l’ad della società che fa parte del gruppo internazionale Princes che segnala anche un aumento del volume dei consumi nel food service, grazie alla ripresa della piena attività nei ristoranti.

Anche in Conserve Italia- una potenzialità produttiva di 250mila tonnellate di pomodoro nello stabilimento ferrarese di Pomposa e altri due stabilimenti di lavorazione ad Albinia, nel grossetano e a Mesagne, nel Salento – le aspettative per la campagna di quest’anno sono buone. Pier Paolo Rossetti, il direttore generale della cooperativa che gestisce i marchi Cirio, Valfrutta e Jolly Colombani, segnala alcune criticità nelle coltivazioni del Nord Italia, dove si teme una concentrazione di prodotto che potrebbe mettere in difficoltà le aziende di trasformazione, se arrivasse a maturazione in blocco.

Lotta alla contraffazione

Intanto il settore è alle prese con un numero crescente di casi di contraffazione, che rendono urgente una risposta sul fronte della trasparenza. In collaborazione con la Stazione sperimentale delle Conserve di Parma e con il ministero delle Politiche agricole, Anicav sta perfezionando un sistema per la caratterizzazione dei macro e dei micro elementi minerali presenti nel pomodoro, finalizzati all’identificazione della zona d’origine del prodotto. «Una volta finalizzato – conclude De Angelis – questo sistema potrebbe rappresentare un fondamentale strumento a difesa delle nostre produzioni e a tutela del consumatore finale».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti