ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùbanche

Popolare Bari, slitta l’assemblea del 16 settembre

Nessuna proposta di delibera sulla governance è arrivata entro i termini previsti

di Vincenzo Rutigliano

(13705)

2' di lettura

Tutto rinviato per il ritorno alla gestione ordinaria della popolare di Bari. L’assemblea ordinaria prevista per il 16 settembre per decidere la nuova governance è stata revocata dai commissari straordinari: nei termini previsti, le ore 21 del 28 agosto, non è arrivata alcuna proposta di deliberazione completa sui 3 argomenti iscritti all'odg: numero (da 5 a 7) e nomi dei componenti il cda, il presidente, la durata in carica del consiglio, il collegio sindacale. E ai commissari, Blandini e Ajello, non è restato che decidere la revoca della convocazione.

Se nessuna proposta è stata presentata è segno che il MCC (97% del capitale sociale della Popolare) e le istituzioni da cui dipende, hanno bisogno di più tempo per definire e completare l'assetto da proporre e decidere per la governance della banca. Insomma ci sono “filiere” decisionali che devono essere percorse per intero, dal Mcc a salire, prima di approdare ad una proposta e decisione ufficiale.

Loading...

La governance

È anche il segno che la nuova governance deve avere uno standing particolare, con uomini di esperienza consolidata e “mestiere” per rilanciare una banca così grande e complessa. Il risultato della revoca è che i commissari straordinari, nominati da Bankitalia a dicembre scorso, dovranno reggere la popolare sicuramente fino al prossimo autunno, con l'effetto di allungare ancora il periodo di amministrazione di cui poi dovranno presentare il bilancio a Bankitalia, entro 4 mesi dall'assemblea ordinaria che individuerà il nuovo cda e d il nuovo collegio sindacale.

Tutto rinviato di qualche settimana dunque - vedremo quante - a dispetto delle sollecitazioni di qualche mese fa che spingevano per un pronto ritorno, della più grande popolare del Sud per dimensione, alla gestione ordinaria con vertici stabili e rilancio della sua “mission”. Quella -come più volte annunciato e promesso - di banca del Meridione in grado di sostenere sia la clientela retail (famiglie e pmi), che i gruppi imprenditoriali con difficoltà maggiori di accesso al credito.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti