Trasferirsi all’estero: per i conti con il Fisco è decisiva la residenza

4/11Fisco e contabilita

Possibile ravvedimento operoso

default onloading pic
(FOTOGRAMMA)

Nel caso in cui l'iscrizione all'Aire non sia tempestiva, c'è il rischio che il contribuente sia considerato ancora residente in Italia e, pertanto, obbligato a dichiarare i redditi ovunque prodotti, indicare gli eventuali asset detenuti all'estero e liquidare le relative imposte patrimoniali (l'Ivie sugli immobili e l'Ivafe sui prodotti finanziari). In questo senso, anche la sussistenza – o meno - dell'obbligo di presentazione della dichiarazione fiscale in Italia diventa cruciale perché, in caso di violazioni, consente di regolarizzare spontaneamente la propria posizione avvalendosi di sanzioni sensibilmente ridotte (cosiddetto ravvedimento operoso).

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...